Mercoledì 06 Febbraio 2013

Atb, bene corse e fermate
Mezzi affollati, due news in arrivo

Giudizi positivi sulle corse e le fermate previste (94,4%, voto medio di 5,6), sulla copertura del territorio servito (91,5% e voto medio di 5,5), sulla facilità di munirsi di biglietti e abbonamenti (92% e voto medio di 5,5) e di trovare informazioni sulla rete e sugli orari (91,7% e voto medio di 5,5). Meno soddisfatta l'utenza per quanto riguarda invece l'affollamento dei mezzi.

Si rinnova anche per il 2012 l'indagine di Customer Satisfaction dell'Atb, realizzata dalla società Datacontact su un campione di 1100 interviste – telefoniche e face to face – rivolte ai clienti abbonati e occasionali del servizio di trasporto pubblico locale. Dal rapporto emergono alcuni dati interessanti che oltre a tratteggiare il profilo dell'azienda, segnalano il livello di soddisfazione dei clienti, le loro aspettative e le principali criticità verso cui orientare scelte e investimenti per il futuro.

La clientela del servizio Atb, in confronto all'indagine 2011, si conferma essere fortemente consolidata: oltre il 57,8% degli intervistati dichiara di utilizzare il servizio da più di 5 anni. Dal campione emerge la seguente suddivisione: il 32,9% è rappresentato dagli studenti, il 25% dai lavoratori ed il 22,2% dai pensionati. Il restante 19,9% si distribuisce tra le casalinghe, i disoccupati, coloro che non dichiarano la propria professione e la categoria altro. Il target dei lavoratori è composto prevalentemente da impiegati ed insegnanti, in aumento rispetto al 2011.

Tra i motivi principali dell'utilizzo dei mezzi pubblici Atb, sia da parte degli abbonati che dei passeggeri occasionali, c'è l'esigenza di recarsi nei luoghi di studio e di lavoro (62,4%). Le linee più frequentate risultano essere la 11 (31,8%), la 8 (25,6%) e la 1 (23,6%). Per quanto riguarda la tipologia di documento di viaggio utilizzato, si conferma la situazione del 2011, con un'alta incidenza del carnet 10 viaggi nel segmento occasionali.

Nel target dei clienti abbonati si evidenzia, rispetto al 2011, una considerevole percentuale di aumento (11,6%) di coloro che scelgono l'abbonamento annuale. Il livello di soddisfazione rispetto al servizio offerto da Atb è espresso in una scala di valutazione da 1 a 7, dove 1 è il punteggio più basso, 4 sufficiente e 7 il più alto.

Da un confronto con i risultati del 2010 e 2011 migliorano due valori significativi: la puntualità delle corse, che dal 2010 ad oggi passa da 4.6 a 4.8, e la cortesia di tutto il personale viaggiante (sia Verificatori di Titoli di Viaggio che conducenti), che dal 5.1 del 2010 raggiunge un livello di soddisfazione pari al punteggio di 5.4.

Fondamentale per un'azienda di trasporto pubblico è anche l'avanzamento del punteggio assegnato al rispetto delle corse e delle fermate previste (5.6 rispetto al 5.4 del 2011) che, insieme alla puntualità, concorre ad assegnare un giudizio positivo in merito all'affidabilità del servizio offerto da ATB (5.1).

In conclusione, l'Indagine 2012 sintetizza i 24 parametri analizzati in un unico punteggio pari a 5.1, valore in crescita dello 0.1 rispetto ai risultati del 2011. (per approfondimenti l'intera Indagine di Customer Satisfaction 2012 è consultabile sul sito www.atb.bergamo.it nella sezione notizie in evidenza).

Intanto da Atb pensano a due progetti. Uno in sperimentazione dai prossimi giorni: la vendita sui pullman dall'aeroporto di Orio diretti a Bergamo - e viceversa - di biglietti per i viaggiatori. Invece di acquistare il documento di viaggio allo Iat o al punto vendita dell'autostradale, in aeroporto, gli utenti lo potranno comprare direttamente sul bus. Cambia il prezzo ma con un'agevolazione: da 2.10 euro a passeggero, con il diritto di un bagaglio a mano delle dimensioni minime, si passa a 3 euro ma con il diritto di trasportare un bagaglio più grande.

In fase di progettazione, inoltre, la vendita per la sera e nei weekend di biglietti direttamente sui pullman, con la collaborazione degli autisti o installando delle macchinette per la vendita direttamente sui mezzi.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata