Auto con catene o gomme da neve Obbligo dal 15 novembre: le soluzioni

Auto con catene o gomme da neve
Obbligo dal 15 novembre: le soluzioni

Per preparare la vostra auto all’inverno manca meno di un mese: il 15 novembre tornerà l’obbligo di circolazione con «dotazioni invernali».

L’obbligo riguarda principalmente i tratti autostradali e strade extraurbane: in molte aree sono stati emessi provvedimenti definitivi, validi quindi per tutti gli inverni; altre Regioni o Province invece emanano elenchi di strade tutti gli anni, con leggere differenze.

Comunque sia, le strade interessate sono in Lombardia, e in Bergamasca, talmente tante che in teoria non potremmo spostarci senza rischiare una multa. Quindi ecco alcuni consigli che arrivano dai gommisti.

Il modo più semplice per mettersi in regola è quello di ricordarsi di mettere nel baule le

catene da neve adatte al nostro veicolo. Una soluzione anche abbastanza economica, ma poco pratica in caso di nevicate. Prima di tutto perché in caso di neve rischiamo di trovarci con la macchina che non tiene più la strada. Poi perché montare le catene, magari al buio, non è proprio così semplice (e non solo per le signore).

La soluzione migliore è quella di acquistare un treno di gomme da neve (che useremo da metà novembre a metà aprile). In particolare è la soluzione ottimale per chi vive in zone di montagna o ci va spesso, magari nei week-end per sciare. A questo punto diventano praticamente inutili le catene. Può sembrare un investimento costoso: ma useremo questo treno di gomme per 5 mesi, alternandolo a quelle estive. Le gomme estive dureranno di più, e nell’arco della vita di un’auto la spesa si ammortizza. Molti gommisti offrono il servizio di deposito (anche per fidelizzare il cliente) e quindi non avremo neppure il problema dello stoccaggio.

Il compromesso migliore? Al primo cambio gomme montate pneumatici M+S (ovvero Mud + Snow, letteralmente Fango + Neve). Si tratta di gomme definite da quattro stagioni: vanno bene d’estate e per legge vengono considerate idonee alla marcia su neve per le particolari caratteristiche del battistrada.
Non garantiscono lo stesso grip sulla neve di un vero pneumatico invernale, spiegano i gommisti (molto dipende dal disegno che si sceglie), ma in caso di nevicate non particolarmente abbondanti si riesce comunque a circolare tranquillamente (magari tenendo per scrupolo catene da neve nel baule se il rischio di neve è elevato). Non sono particolarmente indicate per chi vive in montagna o ci va spesso.

L’ultimo consiglio degli esperti? Non aspettare il 14 novembre, magari alla sera, per recarsi dal gommista. Freddo e maltempo sono già arrivati, e ovviamente nei giorni immediatamente precedenti all’entrata in vigore delle ordinanze si potrebbe trovare la coda, visto che circa un quarto delle auto circolanti in Italia hanno il doppio treno di gomme.

Le gomme invernali posso essere montate in anticipo: l’anno scorso il ministero dei Trasporti aveva concesso un mese di tolleranza prima e dopo il periodo 15 novembre-15 aprile. Insomma dal 15 ottobre al 15 maggio si può circolare con le dotazioni invernali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA