Bancomat, carte e anche una app Atb: ecco come si può pagare la sosta

Bancomat, carte e anche una app
Atb: ecco come si può pagare la sosta

Per pagare la sosta a Bergamo si possono utilizzare monete, bancomat e carte di credito. E per i tecnologici c’è anche una app per smartphone. La precisazione arriva dall’Atb.

L’azienda, cogliamo l’occasione della lettera pubblicata sul nostro sito (nell’allegato), ha voluto fare un po’ di chiarezza sul pagamento della sosta in città.

Atb - spiega la nota - ha recentemente rinnovato il sistema di pagamento della sosta in città sostituendo tutti i 130 parcometri con nuovi dispositivi, tecnologicamente avanzati, dotati di un display retroilluminato con indicazioni in 6 lingue, che permette il pagamento, oltre che con monete anche con bancomat e carte di credito.

Questo innovativo sistema entro la prossima settimana sarà funzionante in 20 parcometri del centro città; l’attivazione dei restanti sarà progressiva e definita sulla base dei risultati di questa fase di start up.

Il pagamento con bancomat e carta di credito non comporta alcuna commissione a carico e dell’utente, che paga unicamente la tariffa della sosta. Viene accettato il più ampio ventaglio di carte (Visa, Mastercard, circuito Maestro e FastPay), offrendo così anche ai turisti la massima facilità di accesso.

Uno dei nuovi parchimetri

Uno dei nuovi parchimetri
(Foto by Beppe Bedolis)

Dal punto di vista pratico
L’utente non deve digitare alcun codice: la carta viene inserita nell’apposita fessura sul fronte del parcometro, e ad ogni pressione del tasto azzurro sul display si potranno verificare l’importo ed il tempo acquistato. Premendo il tasto rosso, l’operazione potrà essere preventivamente annullata.

Digitando invece il tasto verde, l’operazione verrà avviata. Sul display apparirà l’indicazione della connessione con l’istituto di credito, al termine della quale la carta di credito verrà estratta e sarà emesso automaticamente il biglietto. Il parcometro emette anche la ricevuta della transazione bancaria. Un sistema semplice, sicuro (non è richiesto alcun codice), garantito dal sistema bancario, senza alcun costo aggiuntivo per l’utente.

E poi c’è la app
Il pagamento della sosta in città è possibile anche tramite l’utilizzo della nuova app Atb Mobile, che oltre a suggerire l’area di sosta più vicina tra quelle pubbliche (strisce bianche), parcometro (strisce blu, a pagamento), e gestite da operatori privati (silo, etc.), permette di acquistare la sosta su strisce blu inserendo semplicemente il numero di targa della vettura da parcheggiare e la durata della sosta, che una volta acquistata compare nell’area «Le mie soste».

È inoltre attivo Sostafacile
Si tratta del servizio di pagamento della sosta con sms da smartphone e cellulari, sostitutivo al precedente sistema teleparking. Bastano pochi clic per attivare e disattivare il pagamento della sosta risparmiando tempo per non rischiare multe e pagare solo il minimo indispensabile.

«In merito alle carte prepagate cui fa riferimento il lettore - precisano da Atb - segnaliamo che questo strumento di pagamento presenta forti criticità poiché caratterizzato da una tecnologia ormai obsoleta. Con le nuove apparecchiature tecnologiche portatili, infatti, tra cui smartphone e tablet, la carta prepagata tende a smagnetizzarsi diventando inutilizzabile. Questa forma di pagamento, attualmente scelta dall’1% dei nostri clienti, sarà a breve sostituita con tessere prepagate di più recente tecnologia, utilizzabili anche sui nuovi parcometri dotati di sistema di pagamento con carte bancarie».


© RIPRODUZIONE RISERVATA