BergamoScienza, venerdì si parte Cos’è quello strano allestimento?

BergamoScienza, venerdì si parte
Cos’è quello strano allestimento?

Al via venerdì 3 ottobre la 12ª edizione di BergamoScienza. Fino al 19 ottobre, proporrà un calendario fitto di eventi gratuiti, numerosi gli ospiti italiani e stranieri di fama mondiale.

Cos’è quello strano allestimento in piazza Vittorio Veneto? Ai microfoni del nostro sondaggio qualcuno ha risposto una vasca, altri una piscina, oppure una pista da skateboard o un bunker. Diamo un suggerimento ai lettori: il tema dell’edizione è il mare, quindi...

Sarà - come ci racconta il video realizzato da Veronica Cuni - anche l’evento dei giovani . Partner irrinunciabile di BergamoScienza sono infatti le scuole, con ragazzi che lavorano come volontari durante le conferenze oppure che creano laboratori con i loro prof.

Ecco il programma del primo fine settimana:
Venerdì 3 ottobre
La manifestazione sarà inaugurata venerdì 3 ottobre alle ore 17 al Teatro Sociale, con un dialogo tra Sydney Brenner, premio Nobel per la Medicina nel 2002 e Ferruccio de Bortoli direttore del Corriere della Sera. Un’ occasione importante che accompagna l’uscita del libro Le forme della vita. Scienza e bellezza nelle lezioni dei Nobel realizzato dall’Associazione BergamoScienza e da RCS.
Al Teatro Sociale, alle ore 21, Brenner aprirà il Festival con la 2° Levi Montalcini’s Lecture, in onore della scienziata presidente onorario di BergamoScienza. Nella conferenza «Biologia umana: il futuro della ricerca biomedica», il biologo sudafricano ci parlerà, in particolare, della sequenza del genoma umano, degli studi su “il suicidio programmato delle cellule” che consente alla vita di continuare e permettono di comprendere l’origine di molte malattie genetiche e di tumori.

Iniziato l’allestimento di una prua di una barca in piazza Vittorio Veneto

Iniziato l’allestimento di una prua di una barca in piazza Vittorio Veneto
(Foto by Beppe Bedolis)

Sabato 4 ottobre
Appuntamento alle 9,30 al Teatro Sociale con la conferenza «Le infinite vie del linguaggio». Perché nei soggetti autistici il cervello umano non riesce a sviluppare un linguaggio normale? Com’è possibile, dopo ictus cerebrale, recuperare alcune funzioni linguistiche? Andrea Moro, professore di linguistica generale presso la Scuola Superiore Universitaria IUSS Pavia, introdurrà l’argomento che sarà approfondito da Marco Catani, psichiatra del King’s College di Londra, il quale spiegherà come si formano i circuiti cerebrali del linguaggio.


Alle 9,30 al Convento San Francesco, il medico-pediatra Paolo Cornaglia Ferraris direttore scientifico della Fondazione Tender to Nave Italia Onlus, costituita dalla Marina Militare Italiana e dallo Yacht Club Italiano, durante l’incontro «Tender to nave Italia. Navigare, accogliere, valorizzare, educare» racconterà l’esperienza dei progetti di terapia, educazione e ricerca condotti con persone rese fragili da disabilità o disagi fisici, psichici o sociali a bordo del brigantino a vela più grande del mondo con equipaggio militare.

BergamoScienza, il logo della XII edizione

BergamoScienza, il logo della XII edizione

Alle ore 11,30 al Teatro Sociale «Nanotecnologie e salute». Obiettivo delle nanotecnologie: ridurre le differenze insostenibili tra gli umani. Interviene Roberto Cingolani direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia, a Genova. La conferenza si incentrerà su alcuni straordinari sviluppi delle nanotecnologie in medicina, tra questi: materiali plastici totalmente biodegradabili derivati dagli scarti vegetali, protesi simili ad organi come retina e pelle e strumenti per diagnosticare malattie in luoghi privi di alcun sistema sanitario.


Alle ore 15 al Teatro Sociale conferenza «Le cellule staminali dei tumori» con Elisabetta Dejana, biologa cellulare, e Pier Paolo Di Fiore, medico esperto di oncologia molecolare e biologia cellulare. Le cellule “staminali tumorali” sono il vero problema quando si tratta un tumore con terapie convenzionali perché tendono a essere resistenti e sfuggenti al trattamento, da queste può, prima o poi, ripartire una nuova crescita tumorale. Quali sono le loro caratteristiche biologiche? Come possiamo attaccarle direttamente?


A seguire, alle 17 la conferenza «Lo iodio è essenziale per un normale funzionamento tiroideo» con l’endocrinologo Lewis Braverman alla Boston University. Illustrerà come un basso livello di iodio causi un basso livello di ormoni tiroidei e molte risultanze anormali negli infanti e negli adulti.

BergamoScienza, un incontro dell’edizione del 2013

BergamoScienza, un incontro dell’edizione del 2013

Ultima conferenza della giornata è «Caduti nella Rete: bufale e disnformazione scientifica», alle ore 21 al Teatro Sociale. Internet ha accelerato la diffusione di tutte le notizie, comprese le cosiddette «bufale», il cui successo è spesso manifestazione di paure e pregiudizi socialmente inesprimibili. L’informatico Paolo Attivissimo, attraverso esempi concreti, ci porterà a conoscenza dei processi psicologici inconsci sfruttati dalle bufale, e ci fornirà semplici strumenti di valutazione dell’attendibilità delle notizie.

Domenica 5 ottobre
Al Teatro Sociale alle 9,30 conferenza «Ricostruire il clima del passato». Il geoscienziato Dominique Raynaud e la studiosa di paleoclima Clara Mangili analizzeranno le oscillazioni climatiche degli ultimi 800mila anni e ci spiegheranno come si ricostruisce il clima del passato.


Segue alle 11,30 la conferenza «I primi homo in Eurasia»: l’archeologo georgiano David Otaris Dze Lordkipanidze racconterà di Dmanisi (Georgia, Caucaso) un sito che ha raggiunto fama internazionale grazie alla scoperta dei più antichi resti conosciuti di ominidi al di fuori dell’Africa.


Alle 15 «Si può riparare il cervello?». Risponderà a questa domanda il neurologo svedese Olle Lindvall che, attraverso sperimentazioni cliniche con trapianto di neuroni fetali dopaminergici in pazienti affetti dalla malattia di Parkinson, ha fornito, per la prima volta, la prova che è possibile sostituire i neuroni morti con nuovi neuroni sani nel cervello di uomini adulti.


Alle ore 17, «Il piacere di imparare, il saper imparare», convegno al centro del dibattito tra Goéry Delacote (fondatore dell’Exploratorium di San Francisco), il fisico Renato Angelo Ricci e Daniel Andrè Chaveneau Henry (consulente in economia e giornalista).

BergamoScienza, grande spazio ai bambini

BergamoScienza, grande spazio ai bambini
(Foto by Fabiana Tinaglia)

La giornata si concluderà alle 21 con «Il Palma: da Bergamo e Venezia a filo d’acqua. Un dialogo tra scienza e arte, un incontro con Syusy Bladi (conduttrice televisiva e cabarettista) Lorenzo Monaco (giornalista scientifico e fondatore di Tecnoscienza.it) e Giovanni C.F. Villa uno dei maggiori studiosi di arte rinascimentale curatore della prima mostra mai dedicata a uno dei più grandi pittori del Rinascimento, Jacopo Negretti detto Palma il Vecchio (1480 ca -1528). L’evento introduce la mostra in programma da marzo a giugno 2015 alla GAMeC di Bergamo.

Inoltre come in tutte le edizioni, ricco calendario di appuntamenti per i ragazzi con laboratori didattici, spettacoli, proiezioni di filmati, mostre e conferenze dedicati a tanti temi scientifici, tutti presentati in modo divertente e creativo. In particolare il 5 ottobre dalle 11 alle 13, in Piazza Dante, il Coro Polifonico Misto del Liceo Musicale «Secco Suardo» e l’Orchestra Giovanile «Maggio in 7 note» degli Istituti scolastici a indirizzo musicale di Bergamo si esibiranno per il pubblico di BergamoScienza nello spettacolo «A suon di musica. Le scuole di Bergamo in concerto».

BergamoScienza, un convegno dell’edizione 2013

BergamoScienza, un convegno dell’edizione 2013

Infine, dato che il filo conduttore di questa XIIa edizione è il mare, sal 4 al 19 ottobre al Convento San Francesco è stata allestita la mostra interattiva «Risorsa Mare. La trasformazione della materia di origine marina – cibo e materiali» in collaborazione con la Fondazione IDIS – Città della Scienza di Napoli. Lo scopo è quello di informare e sensibilizzare sull’uso sostenibile ed eticamente corretto delle risorse marine.

Per quanto riguarda i laboratori, invece, ne sono previste ben 37, tutti on line su sito della manifestazione, insieme al calendario completo.

Altre info allo 035/215992; email: prenotazioni.privati@bergamoscienza.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA