Venerdì 06 Giugno 2014

Campagna con insulti on line

A Dalmine è polemica Pd-Lega

Il Comune di Dalmine

Dopo i già infamanti manifesti affissi sui tabelloni elettorali in cui si dipinge la nostra candidata sindaco Lorella Alessio come un”dinosauro”, la campagna elettorale messa in scena dalla Lega Lombarda a Dalmine assume toni decisamente allucinanti su Facebook.

È quanto si legge in un comunicato del Pd dopo che sul social network «un sostenitore della Lega sulla pagina “Sei di Dalmine se...” arriva alla diffamazione di Lorella accusandola di essere una criminale ed invitando a non votarla.

Fin qui potrebbe trattarsi - prosegue il comunicato - solo di privata diffamazione, benché a fini politici, e sottolineiamo diffamazione e non libera espressione di pensiero politico (chi ha letto il testo - ora rimosso dal gestore - lo può capire con estrema limpidezza).

Tuttavia il nostro antagonista candidato sindaco per il centro-destra Fabio Facchinetti, ha portato la cosa ad un livello superiore, a livello politico, cliccando su “mi piace” del post in questione. Non pensavamo di arrivare a simili bassezze e mediocrità, credevamo in un, sia pur forte e vivace, dibattito politico sui contenuti.

Probabilmente nei nostri antagonisti - scrivono dal Pd - questi contenuti sono del tutto assenti e sconosciuti ed allora si ricade nel becero e nella diffamazione personale e politica. Questo fatto segna ancor di più una netta linea di demarcazione, una spaccatura profonda ed irreparabile tra noi e loro, tra chi la politica la vuol fare seriamente, per i cittadini, e chi si limita allo sproloquio e ad uno stile da basso cabaret. Ci vergognamo che un candidato sindaco esprima con un “mi piace” il proprio appoggio alla diffamazione di una persona, prima ancora che di un avversario politico, ma siamo certi che questa sarà l’ultima gogliardata e che domenica prossima i cittadini di Dalmine esprimeranno a maggioranza assoluta un forte “mi piace” per Lorella Alessio».

Da parte sua, Fabio Facchinetti ha precisato che il «mi piace» al post pubblicato era riferito alle critiche politiche che erano presenti nel commento qualche riga dopo le parole incriminate, e ha aggiunto: «Non condivido gli insulti nei confronti di Lorella Alessio, che al di là delle posizioni politiche stimo come persona. Mi dissocio quindi dagli insulti ed anzi invito tutti a evitare gli attacchi personali».

© riproduzione riservata