Domenica 26 Aprile 2009

Caritas, un milione di euro
per i fratelli d'Abruzzo

La sottoscrizione lanciata da «L'Eco di Bergamo» e dalla Caritas diocesana bergamasca ha superato un milione di euro, 1.045.000. Un traguardo importante, raggiunto grazie a oltre un migliaio i singoli donatori che si sono presentati agli sportelli della raccolta fondi, ma anche una sessantina di parrocchie, tantissime associazioni di città e provincia unite nella solidarietà a favore delle popolazioni colpite dal terremoto in Abruzzo.

Il 25 aprile è giunto il report completo dei bonifici bancari, effettuati tramite le Poste Italiane o attraverso le banche, e delle donazioni agli sportelli di via Papa Giovanni XXIII 124 e di via Conventino 8. Una generosità, quella dei bergamaschi, che si è manifestata fin dalle prime ore di attivazione della sottoscrizione, inaugurata con una donazione di trecento mila euro della Fondazione Italcementi, ma anche dagli aiuti della Banca popolare di Bergamo, della Banca della Bergamasca e del Credito Bergamasco. «Ringrazio tutti coloro che, con tanta generosità, ci hanno aiutato a superare il traguardo di un milione di euro - spiega don Claudio Visconti, direttore della Caritas diocesana bergamasca -. In particolare le tante persone, almeno cinquanta al giorno, che si sono recate in Caritas per portare il proprio contributo, piccolo e grande». E poi le parrocchie, almeno sessanta quelle che sono state registrate agli sportelli Caritas e de «L'Eco», che hanno raccolto l'invito dei vescovi per una colletta tra i fedeli il 19 aprile. «Le parrocchie hanno partecipato in modo significativo a questa sottoscrizione - ha spiegato don Visconti - con donazioni fino a 15 mila euro. Un segno del radicamento del senso solidaristico nelle nostre comunità cristiane. Abbiamo ricevuto donazioni da ogni angolo della Bergamasca. Non sono ancora in grado di dire il numero di quelle che hanno inviato la donazione tramite bonifico, ma le ringrazio fin d'ora». Molte anche le scuole che hanno attivato nelle classi la raccolta fondi; ma anche le associazioni, le piccole aziende, le polisportive, i gruppi podistici e i circoli del tennis, la dirigenza e i tifosi della Foppapedretti, i pensionati e i combattenti, i gestori delle discoteche, i cinema.

LE COORDINATE PER ADERIRE
Per chi vuole aderire alla sottoscrizione è possibile effettuare un bonifico bancario a favore della Caritas diocesana bergamasca - via del Conventino, 8-24125 Bergamo, Credito Bergamasco-filiale di Bergamo-Malpensata; codice Iban IT40 O 03336 11105 000000006330. Causale «Terremoto Abruzzo». Conto corrente postale: n. 11662244, intestato a Caritas diocesana bergamasca, via del Conventino, 8-24125 Bergamo. Causale «Terremoto Abruzzo». Chi vuole usufruire della detraibilità fiscale per l'offerta può effettuare ordine di bonifico bancario a favore dell'Associazione Diakonia onlus - via Conventino, 8-24125 Bergamo, presso Ubi-Banca Popolare di Bergamo, sede di Piazza Vittorio Veneto, 8-Bergamo. Codice Iban IT 81 V 05428 11101 000000099169, causale: «Terremoto Abruzzo». Le donazioni possono anche essere consegnate all'ufficio amministrativo della Caritas in via del Conventino 8, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18; a «L'Eco di Bergamo» all'Ufficio abbonamenti, in viale Papa Giovanni 124, da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 17,30.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata