Martedì 02 Settembre 2014

Casirate, la solidarietà è super

Aurora si opererà negli Stati Uniti

Gianni Pagani con Piera e Ivan Cazzulani, genitori di Aurora

Ha vinto la solidarietà: Aurora può sperare. E soprattutto può partire, con destinazione Sutter Medical Health Center Foundation di Sacramento, in California, per l’operazione che a metà settembre la riporterà a una vita normale dopo anni di sofferenza.

Sarà il professor George Picetti, un luminare del settore, con una tecnica praticata solo nell’ospedale statunitense a intervenire per risolvere i gravissimi problemi che la scoliosi idiopatica, patologia di cui Aurora soffre sin da piccola, provoca alla sedicenne studentessa casiratese.

Il prezzo? Come minimo 85 mila euro. Un problema non da poco per i Cazzulani, perché l’intervento chirurgico di per sé costa già 85 mila euro, una somma che loro non possiedono. Mamma Pierina è casalinga e papà Ivan ha una piccola ditta di metalmeccanica con il fratello a Casirate che deve fare i conti ogni giorno con la crisi economica.

Nasce così l’idea di fare appello alla generosità della gente, affidandosi ai media e al volontariato, a cominciare dall’Avis di Casirate. La richiesta d’aiuto non passa inascoltata, anzi. Scatta la mobilitazione, da più parti. «Per il momento - spiega Pierina Vaccaro, mamma di Aurora - abbiamo pagato quasi 88 mila euro. Se alla fine di tutto saranno avanzati dei soldi li metteremo a disposizione per aiutare chi ha il nostro stesso problema.

A tutti, e sono davvero tanti, diciamo grazie di cuore». Anche L’Eco di Bergamo, con la sottoscrizione tramite Kendoo.it, ha contributo alla causa.

© riproduzione riservata