Lunedì 04 Agosto 2014

C’è il sole, ma l’Italcementi resta deserta
Col maltempo incassi dimezzati

Le piscine Italcementi viste dall'alto in uno scatto di lunedì 4 agosto

Prima giornata di sole e bel tempo dopo la tanta pioggia e magari ti aspetti di vedere, dall’alto delle Mura, le piscine Italcementi prese d’assalto. E invece, forse proprio perchè si tratta del primo giorno di sole, la partenza di questa estate in ritardo è ancora molto in sordina.

Del resto tutta l’acqua caduta dal cielo in questi ultimi mesi avrebbe potuto riempire la vasca olimpionica delle piscine Italcementi. Un giugno e un luglio talmente colmi di pioggia e dalle temperature quasi autunnali che non hanno certo invitato i bergamaschi ad andare in piscina per un tuffo dall’effetto refrigeratore. Si spera ora in un agosto migliore, ma è certo che sulle vasche delle piscine con vista su Città Alta – e di conseguenza sulle casse – il meteo ha inciso moltissimo, tanto che, Mario Foti, presidente di Bergamo Infrastrutture (società partecipata del Comune di Bergamo che gestisce gli impianti sportivi comunali), nei giorni scorsi aveva parlato di «stagione compromessa».

Gli incassi dei primi mesi d’estate sono talmente ridotti che per recuperare servirebbe un mese di agosto da record. «Non ho ancora i dati precisi sull’andamento di giugno e di luglio, ma si fa presto a fare i conti, basta contare quanti sabati e domeniche con il brutto tempo ci sono stati – spiega Mario Foti –. Se le entrate sono buone, in una domenica riusciamo ad incassare circa 15mila euro, ma a giugno e luglio hanno prevalso fine settimana con la pioggia, quindi possiamo dire meno della metà rispetto all’anno scorso».

La riduzione degli incassi è dovuta anche al fatto che la piscina coperta non è accessibile: «Evidentemente avendo noi un impianto esterno, questa pioggia ha inciso ancora di più – spiega Mario Foti –. La stagione è stata penalizzata anche per questo». Un recupero in coda sarà difficile, perché tradizionalmente, il mese di agosto vede un calo delle presenze, perché i bergamaschi vanno in vacanza. E chi non può partire per mete esotiche, non rinuncia alle ferie agostane e scappa comunque dal caldo, anche solo per una gita fuori porta al lago.

«La speranza è che il meteo si stabilizzi, ma se anche fosse così, sarà difficile recuperare – spiega Mario Foti –. La stagione ormai è compromessa, perché solitamente ad agosto la gente va via dalla città e le entrate in piscina diminuiscono. Purtroppo il meteo ha inciso negativamente su tutti gli impianti di questo tipo, non solo da noi».

Primo giorno di sole d’agosto? Come lo trascorri o cosa faresti se non lavorassi?

© riproduzione riservata