Venerdì 13 Giugno 2014

Dopo la lince e l’orso, ora il lupo

Ricerche in corso in Val di Scalve

Il lupo fotografato il 26 luglio 2003 in località Mare (Colere)

Se il paese è piccolo la gente mormora. Un detto valido anche per la Valle di Scalve, che tanto grande non è.

E la notizia di una possibile presenza di lupi sulle montagne scalvine non è stata un’eccezione alla regola. In molti lo dicono: i lupi qualche anno fa c’erano davvero, erano stati visti nella zona tra il passo della Manina e il rifugio Albani. Qualche anno fa, per l’appunto. Non oggi.

O meglio, sicuramente oggi quei lupi non ci sono più. C’è chi dice che l’esemplare in questione sia stato impallinato da qualche cacciatore, e che poi, recuperata la carcassa del lupo dall’autorità competente, questa sia stata spedita in un istituto di ricerca specializzato per poter capire con rigore scientifico se di lupo si trattasse o l’esemplare fosse soltanto un cane inselvatichito.

«La diceria c’è – conferma Guido Giudici, presidente della Comunità montana di Scalve con una passione mai nascosta per la fauna locale e la caccia – e c’è da qualche anno. Alcuni parlano di una coppia di lupi, quanti vogliono dare più dettagli dicono che uno dei due fosse già zoppo, per qualche vicissitudine precedente all’incontro “fatale”».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 13 giugno

© riproduzione riservata