Domenica 13 Aprile 2014

È irregolare il 5% dei veicoli

Lo scopre il sistema Targha 193

I controlli stradali con il sistema Targha 193

È entrata in funzione da qualche giorno Targha 193, la nuova telecamera a raggi infrarossi che - in dotazione della polizia locale di Trescore Balneario - intercetta i veicoli in transito non assicurati, non revisionati, rubati, con targhe falsificate o duplicate, sotto indagine, sotto sequestro o con fermo amministrativo e di classe ambientale non idonea.

Un impianto tecnologico «made in Bergamo» - la ditta è la Suardi srl di Chiuduno, partner del gruppo mantovano Selea -, messo sul mercato nazionale solo da gennaio 2014. Dopo esser arrivato in alcuni paesi lombardi, Targha 193 ha debuttato anche in Bergamasca: Trescore, infatti, è il primo paese della nostra provincia a utilizzare questo strumento mobile (un impianto simile, ma fisso, è stato installato nel comune di Boltiere). Il suo costo ammonta a 10 mila euro e le modalità di finanziamento sono da definire: il Comune di Trescore sta valutando di procedere con il noleggio.

Nei giorni scorsi Targha 193 è stato sperimentato lungo la provinciale 89, che a Trescore prende il nome di via Gramsci, e dai primi controlli effettuati è emerso che il 5% dei veicoli finiti sotto l’occhio elettronico - tra questi anche un mezzo pesante - era irregolare. Netta la prevalenza dei veicoli non revisionati: sono due terzi del totale, mentre la fetta rimanente era privo di polizza assicurativa.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 13 aprile

© riproduzione riservata