Giovedì 21 Giugno 2012

Fiamme Gialle in festa con sobrietà
Recuperati 404 milioni evasi

Quest'anno ricorre il 238° Anniversario della Fondazione della Guardia di Finanza ma, a differenza della tradizionale manifestazione che ha sempre avuto luogo, il comandante provinciale di Bergamo, Giovanni De Roma, ha deciso di organizzare una breve cerimonia interna che avrà luogo venerdì 22 giugno nel Comando provinciale di via dei Partigiani 3. Qui parteciperà  solo una rappresentanza di finanzieri appartenenti ai Reparti alla sede, i Comandanti dei 7 Reparti esterni ed una delegazione dell'Associazione nazionale Finanzieri d'Italia Sezione di Bergamo. «Tale scelta - fanno sapere le Fiamme Gialle - è motivata da ragioni di essenzialità, moderazione ed economicità».

«In un momento così particolare per il nostro Paese si è certi che la Guardia di Finanza, nel suo ruolo di polizia economico-finanziaria a tutela degli interessi dell'Unione Europea, dello Stato e degli Enti locali, continuerà il proprio impegno quotidiano nella lotta all'evasione fiscale, alla dissipazione di pubbliche risorse e alla criminalità organizzata e saprà rendersi sicura protagonista della crescita della legalità - fanno sapere -. Dall'inizio dell'anno, l'azione delle Fiamme Gialle del Comando provinciale di Bergamo è stata orientata sul versante della polizia finanziaria, a garantire il regolare afflusso di entrate ed il corretto utilizzo delle risorse del bilancio dello Stato, delle Regioni, degli enti locali e dell'Unione Europea».

Con riferimento alla polizia economica, la Guardia di Finanza «ha assicurato il corretto funzionamento del mercato dei capitali e del mercato dei beni e dei servizi e, per quanto attiene all'ordine ed alla sicurezza pubblica, sono state svolte indagini di polizia giudiziaria».

In particolare si evidenzia che nei primi 5 mesi del 2012 al numero di pubblica utilità «117» sono pervenute 147 telefonate con un incremento percentuale pari al 1.470% rispetto allo stesso periodo del 2011. Nella lotta all'evasione fiscale è stato accertato un imponibile sottratto a tassazione per 404 milioni di euro con una violazione all'Iva per 44,5 milioni di euro e ritenute non versate per 55 milioni di euro.
Sono state riscontrate 719 irregolarità per mancata emissione con una percentuale del 31,02%, in linea con la percentuale nazionale del 32,10%. Per tali violazioni sono state chiuse 34 attività commerciali. Sono stati sequestrati 740 kg di sostanze stupefacenti ed arrestati 36 responsabili. In materia di contrasto alla contraffazione ed alla sicurezza dei prodotti, sono invece  stati sequestrati 64.302 articoli e denunciati 40 soggetti.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata