Sabato 27 Settembre 2014

Fn, aperta la sede in via San Tomaso

Tutto è filato liscio, nessun incidente

È terminata l’inaugurazione della nuova sede di Forza Nuova. Nessuna situazione di frizione. Roberto Fiore, Oscar Rizzini (nuovo responsabile di Fn Bergamo) e Salvatore Ferraro (Fn Lombardia) sono intervenuti per ribadire la forte unione di Fn a Bergamo che torna dopo la chiusura di maggio più convinta di prima. Rizzini ha annunciato che il 18 ottobre Fn sarà in corteo a Bergamo per protestare contro l’immigrazione.

È stato dunque un sabato tranquillo, almeno per il momento, per le forze dell’ordine che stasera saranno anche impegnati nella prevenzione di possibili incidenti tra tifosi per la partita tra Atalanta e Juventus al Comunale.

Nessun esponente dell’estrema sinistra e di centri sociali si è fatto vedere. Nella notte era comparsa la scritta «Infami» nei pressi della sede, scritta che è stata coperta stamattina da un volantino.

Fin da mezzogiorno la zona nei dintorni di via San Tomaso (la nuova sede è al civico 12B) era stata presidiata dalle forze dell’ordine in attesa dell’arrivo dei forzanovisti. Carabinieri, polizia e polizia locale si erano schierati in piazzetta del Delfino all’incrocio tra via San Tomaso e via Pignolo. Il tratto di strada che da qui porta a Piazzale Oberdan era stato chiuso al traffico, esclusi i residenti. L’altro presidio delle forze dell’ordine era posto invece poco prima dell’Accademia Carrara. Puntuale alle 15,30 è arrivato Fiore, il leader del movimento. Per fortuna tutto è filato liscio, senza nessun incidente e senza nessuna provocazione.

Come si ricorderà, sei anni fa la città rimase letteralmente sotto assedio per la manifestazione degli esponenti del partito di estrema destra provenienti da tutta Italia contrapposto ai giovani dei centri sociali che si opponevano all’apertura della sede in via Bonomelli. In quella circostanza i manifestanti vennero divisi tra via Paglia e via Paleocapa. Ci furono scontri fra polizia e carabinieri da una parte e forzanovisti che le immagini di allora ritraggono con bastoni, spranghe e saluti romani.

© riproduzione riservata