Lunedì 11 Novembre 2013

Furti, carabinieri in azione

Due arresti e cinque denunce

link

Dopo l’allarme per i continui furti in Val Seriana i carabinieri sono scesi in campo nel weekend con una serie di controlli mirati che hanno dato subito buoni risultati. Due arresti e 5 denunce in stato di libertà: sequestrati attrezzi da scasso e ricetrasmittenti.

I militari della compagnia di Clusone, con il supporto di militari del comando provinciale di Bergamo hanno rafforzato la presenza sul territorio . Così i carabinieri della stazione di Albino hanno intercettato una vettura con a bordo quattro persone, tutte gravate da numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio.

Si tratta di tre albanesi e un italiano tutti provenienti dalla provincia di Torino con la macchina carica di attrezzi atti allo scasso (piedi di porco, grimaldelli, cacciaviti di grandi dimensioni): l’intervento ha scongiurato potenziali nuovi furti e ha consentito una notte più serena agli abitanti di Albino.

I quattro sono stati denunciati in stato di libertà per la violazione dell’art. 707 C.P. (possesso ingiustificato di grimaldelli e strumenti atti allo scasso).

Sabato invece i carabinieri di Clusone, procedendo ad un controllo a Rovetta di un soggetto in atteggiamento sospetto in una via poco frequentata, hanno trovato un’arma da taglio a serramanico, ma soprattutto un paio di ricetrasmittenti. Così per il bulgaro quarantenne, probabilmente interrotto nell’azione che stava per portare a termine, è scattata la denuncia in stato di libertà per l’art. 4 della legge 110/75 (porto di armi od oggetti atti ad offendere).

Domenica infine, ricevuta una richiesta d’aiuto da parte di un cittadino, il militare di servizio alla caserma di Sovere, con l’aiuto di un commilitone libero dal servizio, e poi con il supportato di altre pattuglie, non esitavano a recarsi in una vicina abitazione dove due ladri erano penetrati all’interno per rubare. I due malviventi, entrambi italiani e sorpresi sul fatto, sono stati bloccati e tratti in arresto. Per loro processo per direttissima.

© riproduzione riservata