Il Gleno si rifà il look con «Carisma»
Casa di riposo, nuovo nome e marchio

Presentati ieri la nuova denominazione e il simbolo della Fondazione Santa Maria ausiliatrice. guidata da Miro Radici. Il 3 maggio l’inaugurazione delle nuove residenze per anziani: un impegno di 50 milioni di euro

Il Gleno si rifà il look con «Carisma» Casa di riposo, nuovo nome e marchio
La nuova casa di riposo
(Foto di Zanchi)

Da ora in poi chiamatela Carisma, acronimo di «Casa di ricovero Santa Maria ausiliatrice», ovvero il nuovo nome della Fondazione che guida la casa di riposo di via Gleno.

Nome e simbolo nuovo sono opera dell’art director Enrico Baleri: il nuovo logo deriva dalla lettura attenta dell’iconografia della Madonna, a cui l’istituzione cittadina è dedicata, che appare con una corona composta da dodici stelle a sei punte. Le stelle luminose vengono quindi raccolte in una corona circolare di colore blu, un colore che rimanda al cielo e quindi al Divino.

L’istituzione cittadina, costituita ufficialmente con il Reale Decreto del 5 agosto 1811, vanta oltre due secoli di storia. Il 12 aprile 2011 è stata posata la prima pietra per la realizzazione delle nuove residenze per anziani, che saranno inaugurate il prossimo 3 maggio. Uno sforzo economico importante, quantificabile in circa 50 milioni di euro, due terzi dei quali finanziati dalla stessa Fondazione, mentre un terzo è stato donato da Italcementi SpA e dalla Fondazione Azzanelli Cedrelli Celati e per la salute dei fanciulli. Quest’ultime si sono così fatte carico della realizzazione di una delle nuove residenze denominata, nello specifico del polo geriatrico riabilitativo.

«Per noi sarà una data importante – ha dichiarato il presidente della Fondazione Carisma Onlus Miro Radici – in cui si completerà un percorso rilevante iniziato tre anni fa. Vista l’importante ricorrenza abbiamo pensato anche di darci una veste grafica diversa attraverso il nuovo logo, rimanendo però ancorati alla tradizione e al significato del nostro nome, che poggia su valori cardine legati al Divino e alla Vergine Maria».

© RIPRODUZIONE RISERVATA