Domenica 23 Marzo 2014

Inchiesta Infrastrutture Lombarde

Nel mirino pure le feste al Pirellone

Il salone del belvedere al 31° piano del grattacielo Pirelli

Ricche consulenze e cotillons. Nell’inchiesta che ha portato in carcere il direttore generale di Infrastrutture Lombarde, Antonio Rognoni, un’intero capitolo è dedicato a Poliedrika. Ovvero la società di Erika e Monica Daccò, figlie di Pierangelo, il faccendiere condannato a 9 anni per il crack del San Raffaele e ora a giudizio insieme a Roberto Formigoni per il caso Maugeri.

Nell’ordinanza si rileva come Infrastrutture Lombarde avrebbe affidato la gestione del 31° piano del Pirellone per feste ed eventi alla Poliedrika «in via diretta» (possibile fino a 20 mila euro), attraverso un «indebito e ingiustificato» frazionamento degli importi degli appalti. In questo modo si sarebbero violati «i principi di rotazione, trasparenza e imparzialità della pubblica amministrazione»: quelli che avrebbero richiesto una gara con invito ad almeno 5 concorrenti.

Il primo contratto da agosto 2009 a luglio 2010 prevede un fisso di 48 mila euro più Iva, e una percentuale del 40% sul risultato: la proroga per 2 anni, 96 mila euro e una percentuale del 13 sui ricavi. Fatti due conti, a Poliedrika sono andati 318 mila euro «d’indebito vantaggio».

Ma quando Daccò padre finisce in carcere per il San Raffaele la situazione precipita, e Rognoni comincia («Ha un atteggiamento ossessivo» si legge) ad evitare in ogni modo contatti con le due sorelle. Solo che Poliedrika è ben introdotta, e riesce a bypassare Rognoni che, in una telefonata intercettata, si sfoga con l’avvocato Carmen Leo (anche lei tra gli indagati): «Continuano a lavorare, io ho chiuso il contratto... Ho fatto di tutto per chiudere il contratto appena è venuto fuori il casino... E viene fuori che queste stanno ancora fissando feste e cotillons»

Ma ora la cosa che preoccupa di più sono le conseguenze per Expo, «L’indagine non riguarda appalti e meno che meno l’Expo», taglia corto Roberto Maroni. «La Procura fa infatti riferimento ad irregolarità nelle consulenze». Il che non è proprio indolore, e solleva comunque fior di dubbi sulle modalità di gestione di Infrastrutture Lombarde. Ma il governatore fa muro: «In 10 anni la società ha gestito appalti per 11 miliardi di euro. Ebbene non c’è un euro di questi che i magistrati dicono sia finito nelle tasche sbagliate. Non c’è uno di questi appalti, men che meno quelli su Expo, che la Procura dice siano stati fatti male».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo di domenica 23 marzo

© riproduzione riservata