Interviene il sindaco, trattativa ripresa Così il  Balzer per ora resta aperto

Interviene il sindaco, trattativa ripresa
Così il Balzer per ora resta aperto

Non c’è ancora un accordo, ma la trattativa per scongiurare la chiusura del Balzer - che fino a giovedì 27 novembre fa sembrava definitivamente fallita - si è rimessa in moto.

Ci sono voluti tre incontri in successione, nella mattinata di venerdì 28 promossi dal sindaco di Bergamo Giorgio Gori, per riannodare i fili del dialogo tra le parti che si era interrotto. Alle 8.30, nell’ufficio del sindaco, si sono incontrati - con Gori e il vicesindaco Sergio Gandi - il titolare di Codesa Giovanni Barghi e i rappresentanti di Airchef (l’attuale gestore del Balzer), di Ascom e del sindacato Cisl. Assente il rappresentante dell’Immobiliare Fiera, Francesco Perolari, raggiunto però telefonicamente dal sindaco.

Nel corso della riunione è emersa la disponibilità di Airchef a consentire un accesso alle parti interessate - proprietà e potenziale locatario - per verificare lo stato degli impianti e quantificare gli eventuali interventi di manutenzione. Proprio su questo punto - le competenze e i costi della manutenzione – si era interrotta la trattativa tra Immobiliare Fiera e Codesa.

In seconda battuta il sindaco ha ottenuto la disponibilità di Perolari ad incontrare in stretta successione i rappresentanti di Airchef e Codesa. Al termine della riunione nell’ufficio di Gori il direttore di Ascom Luigi Trigona descriveva così la situazione: «Le condizioni oggettive per un accordo sono molto difficili. C’è uno spiraglio per recuperare il subentro, legato appunto alla verifica dello stato dei locali del Balzer. Si tratterà poi di stabilire chi fa cosa, in che tempi e a carico di chi».

Successivamente si sono svolti i due «faccia a faccia», che hanno consentito di riaprire la trattativa. La responsabile amministrativa di AirChef, dott.ssa Tonelli, ha acconsentito all’ispezione dei locali da parte dei due soggetti interessati e che il locale prosegua la sua attività oltre il termine di lunedì 1° dicembre, inizialmente indicato come scadenza di chiusura del Balzer in caso di mancato accordo. Le parti si incontreranno di nuovo la prossima settimana, per condividere un accordo che potrebbe consentire il prolungamento dell’attività del Balzer fino ai primi giorni di gennaio, guadagnando tempo utile per l’auspicabile definizione del subentro di Codesa.

Da parte sua Giovanni Barghi, titolare di Codesa, confermava: «Abbiamo trovato un punto di incontro per riaprire la trattativa, anche se i tempi di un eventuale subentro nella gestione del Balzer si sono probabilmente allungati». Perolari di Immobiliare Fiera ha così commentato: «Sono molto contento della riapertura della trattativa e di ciò che è emerso oggi. Sono fiducioso che si possa ottenere una soluzione definitiva alla vicenda».

«L’importante per noi - conclude Alberto Citterio, segretario generale Fisascat Cisl Bergamo - era scongiurare la chiusura immediata e rimaniamo ora in vigile e fiduciosa attesa degli sviluppi della vicenda».


© RIPRODUZIONE RISERVATA