Lo stop al traffico svuota la città Semideserte le vie attorno al centro

Lo stop al traffico svuota la città
Semideserte le vie attorno al centro

Lo stop al traffico di domenica 14 dicembre ha svuotato il centro di Bergamo: difficile dire se sia stato l’effetto della paura di trovare code, oppure se il meteo abbia giocato un ruolo importante.

L’amministrazione comunale aveva deciso di bloccare, dalle 10 alle 19, il breve tratto tra Porta Nuova e l’incrocio con le vie Petrarca e Tasca, consigliando l’utilizzo dei mezzi pubblici o gli spostamenti a piedi. Di fatto il provvedimento ha creato un anello attorno al centro, dalla zona del Triangolo da una parte fino al Palazzetto dall’altra.

Un provvedimento adottato proprio per evitare di restare intrappolati nel traffico come era accaduto lunedì scorso, giorno dell’Immacolata.

Il blocco del traffico a Porta Nuova

Il blocco del traffico a Porta Nuova
(Foto by Beppe Bedolis)

L’inizio è stato soft nella mattinata, con poche auto in circolazione. E anche nel pomeriggio, ritenuto il momento più critico, non si è registrato alcun ingorgo: anzi la città appariva deserta più che in un pomeriggio festivo di gennaio. Pochi anche coloro che hanno deciso di fare una passeggiata approfittando dell’assenza di traffico.

Porta Nuova senza traffico

Porta Nuova senza traffico

È stato, come ha spiegato Stefano Zenoni, assessore alla Mobilità, «un piccolo ma inesorabile gesto che vuol far capire in che direzione vogliamo andare». L’obiettivo del Comune è rendere il provvedimento strutturale: «Mi piacerebbe sperimentare questo tipo di chiusura del centro il più possibile, almeno alla domenica».

Tanta gente nei centri commerciali come Oriocenter

Tanta gente nei centri commerciali come Oriocenter
(Foto by Beppe Bedolis)

Per contro si è registrato il tutto esaurito nei centri commerciali attorno alla città, in particolare a Oriocenter. È stata stimata una presenza complessiva di 120 mila persone.

Intanto i parcheggi di interscambio sono rimasti per lo più semideserti.


Due pagine su L’Eco di Bergamo in edicola il 15 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA