Lunedì 18 Febbraio 2013

Non c'è pace per la primavera
Da giovedì torna la neve

Non c'è pace per chi ha voglia di un po' di tepore e della tanto attesa primavera. Freddi venti dai Balcani causeranno qualche rovescio nevoso a bassa quota al Sud e medio Adriatico. Da giovedì, in particolare, sono previsti 4 giorni di maltempo con neve anche in pianura al Nord e nella stessa Bergamasca.

«Mancano una decina di giorni all'inizio della "Primavera meteorologica", eppure l'inverno avrà ancora molto da dire sull'Italia, con maltempo e ritorno della neve anche in pianura» commenta il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega: «Aria gelida russa attraverserà infatti l'Europa centrale e sfiorerà anche l'Italia, sconquassando nuovamente il tempo da giovedì, quando sono attese almeno 4 giornate di maltempo. Al Nord ritornerà a nevicare anche in pianura dal Piemonte al Friuli Venezia Giulia, a quote collinari anche sull'alta Toscana, mentre il Centrosud farà i conti con piogge, temporali e ancora tanta neve sull'Appennino, che già gode di un ottimo innevamento con accumuli fino ad oltre 1-2 metri al di sopra dei 1500-1700m; possibili fenomeni intensi sui versanti tirrenici».

Fino a mercoledì freddi venti dai Balcani determineranno invece qualche rovescio al Sud, residuo sui versanti adriatici, con neve anche sotto i 1000m. Pausa più soleggiata al Nord e tirreniche, ma sarà solo una breve tregua con primi segnali di peggioramento mercoledì sera: «Le nevicate al Nord potrebbero proseguire ad intermittenza per ben 4 giorni - continua Ferrara -, con fiocchi spesso fino in pianura soprattutto tra Piemonte, Lombardia, Emilia, Veneto e Friuli Venezia Giulia, neve anche sull'entroterra ligure e a tratti sulla Romagna. Entro il weekend probabile passaggio a pioggia sul Nordest, mentre la neve potrebbe resistere ancora in pianura sul Nordovest. Tempo instabile al Centrosud ad oltranza, con venti anche forti tra Scirocco e Libeccio. Per il ritorno dell'alta pressione bisognerà probabilmente attendere la fine mese».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata