Palazzo Chigi scrive ai sindaci «Orio: il rumore c’è,  l’urgenza no»

Palazzo Chigi scrive ai sindaci
«Orio: il rumore c’è, l’urgenza no»

Rumore per gli aerei che atterrano e decollano a Orio al Serio, Palazzo Chigi risponde ai sindaci dell’hinterland: «Il rumore c’è ma non esistono i presupposti per un’ordinanza per motivi gravi e urgenti». Intanto, i dati dell’Arpa certificano l’aumento del rumore su Colognola e Campagnola nel 2014, ma, secondo Palafrizzoni, con le procedure antirumore la situazione è migliorata già nei primi mesi di quest’anno.

È arrivata ai sindaci di Azzano, Orio e Grassobbio la risposta scritta della Presidenza del Consiglio, dopo che il 26 febbraio scorso, i primi cittadini dei comuni dell’hinterland erano stati convocati a Roma per discutere della zonizzazione acustica aeroportuale.

«Non esistono i presupposti per l’emanazione di un’ordinanza per motivi gravi e urgenti – si legge nella missiva – ma si chiede a Enac di convocare la Commissione affinché tale organismo proceda alla trattazione della problematica in argomento e adotti ogni opportuna iniziativa».

E anche questo sarà uno dei temi al centro dell’incontro, del 14 maggio alle 20,45 all’auditorium di San Sisto, tra il sindaco Gori e i cittadini di Colognola.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 14 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA