Pellegrinaggio a Fatima con il vescovo in luglio. Cinque giorni di riflessione e preghiera sui sentieri della pace

Il pellegrinaggio La meta scelta personalmente da monsignor Beschi, dopo la rinuncia all’Ungheria a causa della guerra in Ucraina. Don Salvi: «È forte tra la gente il bisogno di riflettere e pregare». Partenza il 12 luglio da Malpensa, ecco il programma.

Pellegrinaggio a Fatima con il vescovo in luglio. Cinque giorni di riflessione e preghiera sui sentieri della pace
Il santuario della Madonna di Fatima

«Donna del sì, hai camminato sulle nostre strade, guidaci sui sentieri della pace». Questa preghiera di Papa Francesco, da lui recitata davanti alla statua della Madonna di Fatima lo scorso 25 marzo per la consacrazione al Cuore immacolato di Maria della Russia, dell’Ucraina, della Chiesa e dell’umanità, sarà la traccia del pellegrinaggio diocesano presieduto dal vescovo Francesco Beschi che si terrà a Fatima dal 12 al 16 luglio prossimi. «Inizialmente – sottolinea don Gianluca Salvi, direttore dell’Ufficio pastorale pellegrinaggi, tempo libero e turismo – la meta del pellegrinaggio diocesano era l’Ungheria. Però, per motivi prudenziali vista la guerra in corso in Ucraina, si è deciso per il santuario di Fatima. La scelta della nuova meta è stata decisa personalmente dal vescovo che, durante il suo pellegrinaggio pastorale nelle parrocchie, ha avvertito nella gente un forte bisogno di preghiera e riflessione, oltre al motivo della recente consacrazione di Papa Francesco».

Il programma

I cinque giorni saranno incentrati sul santuario di Fatima, ma anche sulla capitale Lisbona e altri luoghi. Il primo giorno (12 luglio) partenza dall’aeroporto di Malpensa per Lisbona, con visita alla Cattedrale e alla chiesa di Sant’Antonio e giro panoramico della capitale. La sera apertura del pellegrinaggio a Fatima con Rosario e fiaccolata. Il secondo giorno (13 luglio): Messa alla cappellina del santuario con i pellegrini italiani e Via Crucis; visita al villaggio dei pastorelli e alla parrocchia di Fatima con la recita dell’Angelus e la sera, fiaccolata e Rosario alla cappellina.

I cinque giorni saranno incentrati sul santuario di Fatima, ma anche sulla capitale Lisbona e altri luoghi di fede

Il terzo giorno (14 luglio): Messa a Fatima. Quindi escursione al monastero di Santa Maria della Vittoria a Batalha, visita al monastero di Santa Maria di Alcobasa, e successivamente a Nazarè. Il quarto giorno (15 luglio): Messa e visita guidata al santuario di Fatima e all’esposizione «Fatima Luce e Pace», che raccoglie migliaia di ex voto e oggetti preziosi.Escursione a Tomar con visita al castello dei Templari e al convento di Cristo. Quinto e ultimo giorno (16 luglio): Messa di chiusura del pellegrinaggio e benedizione di congedo. Quindi visita del villaggio medioevale di Obidos e poi arrivo a Lisbona con visita alla città e trasferimento in aeroporto per il ritorno.

Tra le visite in programma, quelle ai monasteri di Santa Maria della Vittoria a Batalha e di Santa Maria di Alcobasa. E al castello dei Templari

Quote di partecipazione

La quota individuale di partecipazione è di 920 euro (supplemento di 150 euro per camera singola). La quota comprende: viaggio aereo, trasferimenti agli aeroporti, bus, hotel, pensione completa dal pranzo del primo giorno al pranzo dell’ultimo giorno, bevande, visite guidate, ingressi, assistenze e assicurazioni, protezione Covid.

© RIPRODUZIONE RISERVATA