Raccolta rifiuti telecontrollata
I mezzi monitorati con il gps

Nella sede di Aprica è stata inaugurata venerdì 4 aprile, alla presenza dell’assessore all’Ambiente, Massimo Bandera, e del responsabile operativo di Aprica, Fausto Cancelli, la sala telecontrollo che consente di evidenziare il posizionamento dei mezzi adibiti alla raccolta.

Raccolta rifiuti telecontrollata I mezzi monitorati con il gps
L’assessore Bandera nella sala di telecontrollo

Nella sede di Aprica è stata inaugurata venerdì 4 aprile, alla presenza dell’assessore all’Ambiente del Comune di Bergamo, Massimo Bandera, e del responsabile operativo di Aprica, Fausto Cancelli, la sala telecontrollo che consente di evidenziare il posizionamento dei mezzi adibiti alla raccolta, allo spazzamento e ad altri servizi complementari oltre che di «storicizzare» ai fini statistici i dati relativi al funzionamento di tali mezzi nel corso della loro operatività.

Per consentirne i rilevamenti, i mezzi sono stati attrezzati con specifici dispositivi che permettono la trasmissione dei dati alla sala telecontrollo tramite connessione Gprs. Il software utilizzato dispone di funzionalità interattive per l’analisi dei dati provenienti dagli strumenti di geolocalizzazione e consente l’integrazione con le informazioni provenienti dai sistemi di programmazione e consuntivazione dei servizi utilizzati da Aprica.

Le informazioni restituite dagli apparati sono disponibili in tempo reale su un sistema cartografico accessibile via web. Questa caratteristica consente la gestione e il controllo dei mezzi da parte di tutti i soggetti abilitati tramite pc con accesso ad internet. La situazione del servizio potrà essere resa disponibile anche al Comune per le verifiche degli standard di qualità dello stesso.

La sala telecontrollo è presidiata e gestita da personale specializzato che effettua in remoto il costante controllo degli automezzi e delle apparecchiature di bordo. In particolare dalla sala telecontrollo è possibile:

-segnalare con tempestività guasti, anomalie, impedimenti e individuare rapidamente modalità alternative di servizio;

-revisionare periodicamente i percorsi di lavoro per l’ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse e il miglioramento della qualità dei servizi;

-individuare ai fini statistici i dati sulla produttività dei sistemi di raccolta e spazzamento;

-nel caso di segnalazione di disservizio, verificare l’effettiva regolarità nello svolgimento del servizio stesso;

Nella prima fase i sistemi di rilevamento saranno attivi su 50 mezzi e verranno poi estesi a tutta la flotta aziendale. Una caratteristica importante del sistema è il supporto alla sicurezza personale degli operatori che sono chiamati ad effettuare il servizio in situazioni territoriali, orari e condizioni operative talvolta critiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA