Giovedì 14 Agosto 2014

Scuola, esodo boom dei precari

L’effetto Piemonte libera Bergamo

Fine luglio. A Bergamo, come praticamente in ogni provincia d’Italia, vengono pubblicate le GaE, le Graduatorie a Esaurimento del personale docente per la scuola dell’infanzia, la scuola primaria, la scuola secondaria di primo e secondo grado e per il personale educativo, valevoli per il prossimo triennio, a partire dall’anno scolastico 2014/2015 fino ad arrivare al 2016/2017.

Le GaE sono le graduatorie dalle quali vengono «pescati» gli insegnanti per le scuole di ogni ordine e grado: a seconda della disponibilità di posti di ruolo (il 50% dei candidati viene assunto secondo i risultati dei concorsi, il restante 50% seguendo per l’appunto, l’ordine nelle GaE) i primi classificati nella graduatoria vengono assunti con contratto a tempo indeterminato.

Una volta esauriti i posti di ruolo, si passa all’occupazione di quelli liberi e vacanti, e sempre secondo l’ordine di graduatoria vengono assegnate le cattedre della durata di un anno scolastico, e così via. Non è difficile immaginare quanto siano ambiti i primi posti di ogni graduatoria, non è difficile immaginare la delusione di moltissimi insegnanti, da anni iscritti in quelle di una singola provincia e magari vicini alla sicurezza di un posto fisso, che si vedono sorpassare da molti colleghi provenienti da province più o meno vicine e comparsi improvvisamente a occupare le prime posizioni delle liste.

Una situazione che, da qualche giorno a questa parte, è salita alla ribalta delle cronache, in particolare in Piemonte, dove è stata riscontrata una massiccia presenza di docenti provenienti da fuori regione. Questo perché, per la prima volta dopo il 2011, è stato consentito agli insegnanti di richiedere l’inserimento in graduatoria in una provincia diversa da quella in cui si era in precedenza. Ne è nato un terremoto nelle graduatorie con insegnanti delle regioni del Centro-Nord che denunciano di essere stati «invasi» da colleghi del Sud con punteggio decisamente più alto, e quindi davanti a loro nelle particolari classifiche.

A Bergamo però questa tendenza non è stata sentita. Perché se è vero che la nostra provincia è meta ambita per disponibilità di posti e cattedre, è altrettanto vero che quest’anno anche qui si è assistito a una vera e propria migrazione di personale dalle graduatorie autoctone a quelle di altre zone, e, in particolare, sembrerebbe proprio verso quelle piemontesi. Le graduatorie della nostra provincia sembrano quindi risentire positivamente di questa trasmigrazione, che riguarda sia insegnanti del Sud, che erano iscritti nelle graduatorie bergamasche e che hanno scelto di spostarsi verso il Piemonte, dove sembrava esserci una maggiore disponibilità di cattedre

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 14 agosto

© riproduzione riservata