Ucciso nella sparatoria dopo un furto Il pm: «Nessuna colpa per i carabinieri»

Ucciso nella sparatoria dopo un furto
Il pm: «Nessuna colpa per i carabinieri»

Chiesta l’archiviazione per i tre carabinieri indagati dopo la sparatoria del 23 novembre 2013 a Bolgare, in cui perse la vita un albanese di 27 anni, Behexhed Bushi, in fuga con due complici. Per la Procura i militari non hanno nessuna responsabilità, neppure a titolo colposo.

Il pubblico ministero Giancarlo Mancusi ha chiesto l’archiviazione del fascicolo a carico dei tre appuntati del nucleo operativo e radiomobile di Bergamo, che presero parte a quel tragico posto di blocco. I militari erano stati iscritti nel registro degli indagati con le ipotesi di reato di omicidio colposo ed eccesso colposo di legittima difesa. Le conclusioni a cui è giunta la Procura si basano su una corposa consulenza balistica, affidata dal pm a un super esperto del ramo, Pietro Benedetti.

La Mercedes intercettata sulla Paloscana a Bolgare

La Mercedes intercettata sulla Paloscana a Bolgare

Quella notte, alle 2,30, i carabinieri furono allertati per un furto appena compiuto da ignoti malviventi al bar «La Piazza» di Villongo. Dal locale era sparito un cambiamonete. Venne segnalata una Mercedes Classe C (rubata) in fuga. L’auto fu intercettata a Bolgare, sulla Paloscana. Vedendo i carabinieri, il conducente della Mercedes prima rallentò, poi accelerò puntando dritto verso un appuntato. Nella concitazione dei quegli eventi furono esplosi otto colpi di pistola, uno dei quali colpì il giovane albanese.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 5 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA