Domenica 24 Novembre 2013

Va contromano e muore in A4

Grave Carera, manager dei ciclisti

link
(Foto by In primo piano la Bmw di Carera, sul carro attrezzi l’Audi del 78enne morto)

Stava viaggiando lungo l’A4 verso Bergamo al volante della sua Bmw Serie 5 con targa del Canton Ticino, quando Alex Carera, bresciano di 38 anni, procuratore di ciclisti del calibro di Vicenzo Nibali e Damiano Cunego, si è trovato all’improvviso di fronte un’Audi 80S, appena uscita contromano dal vicino autogrill «Sebino». L’impatto, inevitabile, è stato violentissimo. Il conducente dell’auto, Carlo Giacomo Loda, 78 anni, nativo a Palazzolo Sull’Oglio ma che viveva a Rovato, nel Bresciano, è morto sul colpo.

Gravissime le condizioni di Carera, rimasto incastrato tra le lamiere della sua Bmw: soccorso dal personale del 118 e dai vigili del fuoco, è stato trasferito d’urgenza all’ospedale Civile di Brescia, dove ieri sera è stato sottoposto a un delicato intervento agli arti inferiori. Non sarebbe in pericolo di vita e la Tac avrebbe per fortuna escluso lesioni interne, anche se il quadro clinico del procuratore sportivo è molto serio.

Il drammatico incidente ieri all’ora di pranzo, nel tratto di autostrada compreso tra i caselli bresciani di Rovato e Palazzolo. Poco dopo le 12,30 Carlo Giacomo Loda lascia l’autogrill «Sebino» . Ma, anziché imboccare lo svincolo corretto, quello in direzione Bergamo-Milano, non si sa perché si immette contromano, rientrando in pratica dallo stesso svincolo dal quale, poco prima, si era immesso nell’area di sosta.

A quel punto Loda si trova di fronte decine e decine di auto che viaggiano, a forte velocità, nella direzione opposta alla sua. Tra queste la Bmw Serie 5 di Alex Carera. L’Audi fa in tempo a percorrere meno di mezzo chilometro quando c’è l’impatto, praticamente inevitabile. Un boato che viene sentito fino al vicino abitato di Erbusco e che scaraventa, in pochi attimi, detriti per un raggio di duecento metri.

© riproduzione riservata