Venerdì 01 Agosto 2014

Via l’acqua con «Ardesio DiVino»

C’è la rassegna enogastronomica

«Ardesio DiVino» 2013

L’estate 2014 fa decisamente acqua, ma Ardesio inverte decisamente la tendenza ed è pronta per due giorni a tuffarsi...nel vino. È all’insegna dell’alta qualità e delle eccellenze enogastronomiche la decima edizione di «Ardesio DiVino», la rassegna enogastronomica che nel fine settimana catalizzerà l’attenzione di visitatori, appassionati e addetti al settore in Alta Val Seriana.

La rassegna è promossa dalla Pro loco Ardesio con il sostegno del Comune e la collaborazione di «vinumINfabula», rappresentata dagli esperti Paolo Tegoni e Luca Cagnasso dell’Università di Parma. Per il secondo anno consecutivo «Ardesio DiVino» l’iniziativa sarà accompagnata dallo stand de L’Eco café, che seguirà l’evento sin dall’inaugurazione ufficiale in programma sabato 2 agosto alle 10,30, quando al taglio del nastro farà seguito l’apertura ufficiale degli stand.

«Ardesio DiVino» attrae ogni anno migliaia di visitatori, pronti a gustare un vero e proprio viaggio enogastronomico attraverso i sapori d’Italia (e non solo), tra vino, olio extra vergine, salumi, formaggi, miele, birra, sidro, farine e cereali, zafferano, caffè e tantissime altre prelibatezze, proposte da vignaioli e artigiani del gusto.

«L’idea - sottolinea Simone Bonetti, presidente della Pro loco - è promuovere non solo il territorio di Ardesio e della Val Seriana, ma la cultura enogastronomica. Poniamo la massima attenzione per la selezione, la qualità e la varietà delle proposte, per creare un dialogo diretto fra i produttori e i consumatori». Oltre alle degustazioni presso gli stand (domani e domenica apertura dalle 10.30 alle 13 e dalle 16 alle 21), saranno moltissimi gli eventi in programma. Sia domani sia domenica, alle 19.30, verranno servite cene eco-sostenibili (piatti e posate biodegradabili) a base di prodotti tipici selezionati, mentre Artelier curerà dalle 16 alle 19 i laboratori ludico-creativi per i bambini, denominati «Stappa la fantasia…e tutto si trasforma».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 1° agosto

© riproduzione riservata