Mercoledì 15 Settembre 2010

Istituti Ospedalieri Bergamaschi
Ponte e Zingonia si fondono

Nasce la quarta azienda ospedaliera bergamasca: il Policlinico San Marco di Zingonia e il Policlinico San Pietro di Ponte San Pietro, entrambi del Gruppo San Donato, si fondono dando vita agli Istituti Ospedalieri Bergamaschi srl (IOB). La nuova azienda privata accreditata, con un fatturato complessivo di circa di 137 milioni di euro, prevede investimenti già programmati per la ristrutturazione, l'ampliamento delle strutture edilizie e l'acquisto di nuove attrezzature per la diagnostica e la terapia per un ammontare di oltre 90 milioni di euro.

Gli Istituti Ospedalieri Bergamaschi, che unificano le funzioni dei due Policlinico di Zingonia e Ponte San Pietro e del Poliambulatorio di Treviglio, mettono a disposizione dei cittadini 632 posti letto per una superficie totale di oltre 35.000 mq, con più di 1.400 persone impiegate, di cui 362 medici. Dal punto di vista diagnostico saranno a disposizione dei pazienti tre risonanze magnetiche (due delle quali da 1,5 Tesla), tre TAC multislice, una sala angiografica, quattordici sale per radiografia tradizionale e trentatre ecografi.

Gli Istituti Ospedalieri Bergamaschi srl registrano tra l'altro la presenza di due Pronto Soccorso che fanno parte della rete di emergenza-urgenza del 118, uno dei quali riconosciuto come servizio di secondo livello (DEA), due unità operative di Terapia Intensiva con dieci posti letto, una unità di Terapia Intensiva Coronarica (UCC) con sei posti letto, una Stroke Unit neurologica con quattro posti letto, quarantatre posti tecnici di Dialisi, una Sala di Litotripsia e due servizi di Odontoiatria con 11 poltrone.

Le strutture ospedaliere ospitano due centri per la prevenzione, la diagnosi e cura delle patologie oncologiche che saranno dotati di due acceleratori lineari di elevata potenza (18 mev), un Dipartimento Materno Infantile, con Centro per la cura dell'infertilità e fecondazione assistita, la Rete Cardiologica, inserita nel network dell'infarto acuto provinciale, con i centri di Elettrofisiologia e di Cardio-Interventistica, il Centro per la chirurgia rifrattiva e la diagnosi del glaucoma, e i due Centri di Ortopedia e Riabilitazione.

e.roncalli

© riproduzione riservata