Domenica 09 Ottobre 2011

Creattiva record: 37 mila presenze
E nel 2012 si farà anche a Napoli

Creattiva ha fatto ancora centro e ha segnato un nuovo record con l'ennesimo boom dei visitatori arrivati da tutta Italia, il deciso aumento degli espositori, un incremento importante delle presenze straniere e grandi apprezzamenti per le novità, come nel caso dell'area dedicata al ricamo e al merletto. Presi d'assalto le centinaia di laboratori e corsi specializzati promossi da espositori e associazioni.

Nei tre giorni di apertura della manifestazione dedicata alle arti manuali sono state infatti ben 37 mila le persone giunte alla Fiera di Bergamo: il 23% in più rispetto ad un anno fa. Con una novità: «Il format del lavoro messo in pratica da Promoberg piace a tal punto – ha preannunciato Luigi Trigona, segretario generale dell'Ente Fiera Promoberg che organizza la manifestazione - che per Creattiva si prepara il debutto anche lontano da Bergamo. Si tratta di definire solo gli ultimi dettagli, ma è certo che a fine ottobre 2012, circa un paio di settimane dopo la messa in scena dell'iniziativa alla Fiera di Bergamo, Creattiva sbarcherà anche a Napoli».

Ma le novità per i prossimi appuntamenti di Creattiva non finiscono qui: «Già a partire dalla prossima edizione primavera 2012 - continua Trigona -, agli attuali 16 mila metri quadrati destinati alla manifestazione aggiungeremo anche il padiglione C: un ulteriore spazio dedicato esclusivamente agli operatori professionali per un confronto business to business da loro espressamente richiesto».

Ottime notizie e ottimi risultati quindi, con un boom di arrivi per Creattiva da ogni parte dell'Italia, Sicilia e Sardegna comprese, senza contare la crescita degli espositori: ben duecento, il 43% in più rispetto all'ultima edizione, il 180% in più rispetto alla prima, nel 2008. La regione maggiormente rappresentata è stata la Lombardia, seguita dal Veneto e dalla Toscana. Sono stati invece i francesi i più numerosi sul fronte della presenze straniere, seguiti da tedeschi, spagnoli, olandesi e sloveni.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata