Venerdì 01 Giugno 2012

Se compri una Fiat qualsiasi
paghi il carburante 1€ fino al 2015

Fiat presenta un'iniziativa straordinaria che abbassa il costo del carburante. Grazie alla partnership con Ip, il marchio automobilistico blocca il prezzo di benzina e gasolio a solo 1 euro al litro, fino al 31 dicembre 2015, annullando così l'effetto «caro petrolio» e riportando i prezzi dei due combustibili al 1999.

Proposta su tutta la gamma, in alternativa ad altre promozioni e valida fino al 31 luglio 2012, l'offerta prevede che all'atto dell'acquisto di una nuova vettura Fiat, il cliente riceva una card attivata dal Concessionario e collegata a un Pin consegnato in busta chiusa. La card è legata alla vettura acquistata ed è caricata con un ammontare di litri di combustibile diverso a seconda del modello scelto.

Per esempio, se si sceglie una Bravo Multijet, la carta permetterà un rifornimento totale di 2.000 litri, corrispondenti a circa 45.000 km, ovvero la percorrenza media di circa due anni e mezzo di utilizzo. Inoltre, per permettere ai clienti di fruire pienamente dei benefici previsti, la carta è utilizzabile fino al 31 dicembre 2015.

Una volta ricevuta la card, il cliente si reca in uno dei 3.700 distributori IP aderenti all'iniziativa, fa rifornimento a un prezzo bloccato a 1 euro al litro, esibisce la carta al gestore, digita il Pin, paga l'equivalente dei litri erogati (ad esempio 10 euro per 10 litri) e il totale dei litri erogati viene detratto dal totale presente nella carta. In altre parole, la differenza tra l'euro al litro pagato dal cliente e il prezzo effettivo del carburante è pagata da Fiat.

Semplice, efficace e immediata: questa offerta consentirà di andare da Milano a Napoli spendendo solo 33 euro di benzina con una Punto TwinAir e 27 euro di gasolio a bordo di una Punto Multijet II: un costo chilometrico davvero basso, paragonabile solo a quello che si avrebbe con un'alimentazione metano.

In questo modo, i clienti sono liberi di scegliere la motorizzazione che più risponde alle loro esigenze, senza le preoccupazioni relative al costo d'uso. Dietro ad un processo così semplice per il cliente, in realtà si nasconde una notevole complessità operativa, di cui Fiat si farà carico per un periodo molto lungo, fino al 31/12/2015.

Infatti, con Ip sono stati messi a punto processi logistici, amministrativi e contabili complessi. Al tempo stesso è stata coinvolta la rete di vendita Fiat e Ip, attraverso una formazione specifica, ed è stato creato un call center a supporto. Fiat quindi si assume il rischio del potenziale incremento di prezzi del carburante fino alla fine del 2015 offrendo un valore per il cliente che va ben oltre i soldi risparmiati al distributore.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata