L'ex Comital due anni dopo
Rinasce un'industria a Nembro

A un anno dall'acquisto dell'area dell'ex Comital, a Nembro procede il cantiere per l'ampliamento della Persico. Dalla demolizione dei vecchi capannoni 170 camion di materiale recuperato nella ricostruzione. E in un capannone ha già ripreso a scandire il tempo del lavoro.

L'ex Comital due anni dopo Rinasce un'industria a Nembro

All'ingresso l'insegna Comital è sbiadita. Le lancette degli orologi tondi alle pareti sono ferme sulle quattro e tre minuti. Di un giorno lontano. Era il 2009 quando gli impianti della fabbrica di alluminio si fermarono. Giugno, di questi giorni.

Per qualche mese venne garantito il riavvio, in attesa di un compratore. Ma per i lavoratori, ce n'erano ancora 97 allora, fu subito cassa integrazione straordinaria. Entro fine anno quelle lancette potranno ripartire. Anzi, in un capannone hanno già ripreso a scandire il tempo del lavoro.

Nembro, via Marconi. Un angolo di terra tra la roggia Serio e la Morlana.
Qui è passata la storia dell'industria di Nembro. Anno 1878: nasceva la Blumer e Luchsinger, filatura di cotone e tessitura. Qui passerà il futuro ed è il mondo Persico, quello per intenderci che si occupa anche di nautica e ha appena consegnato gli scafi di Luna Rossa per il catamarano che correrà l'America's Cup del 2013, è sempre in movimento.

È passato poco più di un anno da quando il gruppo fondato e presieduto da Pierino Persico ha acquistato l'area. Una parte dei vecchi capannoni è stata abbattuta. Le ruspe si sono messe al lavoro a fine agosto. C'è voluto un mese per tirare giù i corpi centrali. Totale: 170 camion di materiale demolito e recuperato nella ricostruzione. Che viaggia spedita.

Entro quest'anno il corpo centrale sarà pronto. Poi si metterà mano al resto. Ci sono altri capannoni da recuperare, a partire da quello che adesso sta ospitando una parte della divisione ingegneria che nella vecchia sede iniziava a stare stretta e aveva bisogno di spazi aggiuntivi per allargarsi.

Leggi di più su L'Eco di domenica 3 giugno


© RIPRODUZIONE RISERVATA