Giovedì 02 Maggio 2013

Edilizia, artigianato, turismo
Le grandi occasioni dell'Expo

L'Esposizione Universale del 2015 a Milano sarà una grande occasione anche per Bergamo: per le aziende di settori come l'edilizia, per gli artigiani, per il turismo. Lo ha ricordato l'amministratore delegato di Expo 2015, Giuseppe Sala.

Nelle giornate del 2 e 3 maggio sono arrivate in Bergamasca le delegazioni di 45 Paesi: un appuntamento, all'iLab del Kilometro Rosso, che servirà per definire le regole per la realizzazione dei padiglioni che saranno a disposizione di ogni singolo Stato.

Si tratta di 45 delegazioni che, in questi giorni, prima di tutto scopriranno quanto Bergamo sia vicina a Milano, quali e quante competenze potranno trovare nella nostra terra, competenze delle quali potranno usufruire quando dalle parole si passerà ai fatti, con la costruzione dei padiglioni. E ancora 45 delegazioni che hanno già iniziato a toccare con mano come funzioni l'ospitalità in Bergamasca.

L'incontro attuale - ha detto Sala - è ancora molto tecnico (tipo di padiglioni necessari, coperti o scoperti, materiali da utilizzare). Ma a fine anno ogni Paese avrà la definitiva assegnazione dei lotti e potrà iniziare la costruzione. Questo metterà in moto molte aziende della nostra terra.

Tutto è stato illustrato nella sede della Provincia di Bergamo dove l'amministratore delegato di Expo 2015 S.p.A. Giuseppe Sala ha incontrato il presidente della Provincia di Bergamo Ettore Pirovano e i giornalisti, proprio per spiegare l'importanza di fare rete a livello territoriale, in vista dell'importante appuntamento dell'Esposizione Universale.

All'incontro erano presenti l'assessore provinciale alle Grandi Infrastrutture, Pianificazione territoriale ed Expo, Silvia Lanzani e l'assessore al Tursimo Giorgio Bonassoli. Sala ha ringraziato tutti «per la collaborazione e disponibilità dimostrate, che sono state fondamentali nel supporto per la pianificazione e l'organizzazione dell'evento di questi due giorni dedicati al self-built exhibition spaces». Secondo le stime la varie Nazioni investiranno circa 1,2 miliardi di euro per realizzare direttamente i loro padiglioni espositivi.

L'assessore Silvia Lanzani ha espresso viva soddisfazione per la positiva conclusione di un percorso avviato nell'ottobre 2011 in occasione del primo International Partecipants Meeting (IPM): già in quella occasione la Provincia di Bergamo aveva auspicato che un successivo evento con i paesi Expo fosse ospitato in terra bergamasca.

Questo è solo uno della serie di momenti di avvicinamento all'Expo, dedicati ai Paesi e alle istituzioni partecipanti, alternativamente ospitati a Milano e sul territorio. La Provincia di Bergamo era tornata alla carica nell'ottobre 2012, inviando alla società Expo un articolato dossier di candidatura per accogliere un meeting di rilevo internazionale nel 2013. E così è stato.

Giuseppa Sala ha sottolineato che che la scelta è stata compiuta «grazie anche alla capacità locale di coinvolgere in modo attivo e partecipativo non solo le istituzioni territoriali, ma soprattutto il sistema imprenditoriale, contribuendo in modo fattivo al percorso di avvicinamento all'Esposizione Universale».

r.clemente

© riproduzione riservata