Bergamo fa shopping nel caffè  A N&W il vending della Saeco

Bergamo fa shopping nel caffè

A N&W il vending della Saeco

Al gruppo di Valbrembo lo stabilimento bolognese, il centro di ricerca di Treviso e la licenza per Gaggia. Sarà un colosso con 1.700 dipendenti e 400 milioni di fatturato.

Due nomi italiani leader mondiali nel settore delle macchine per il caffè si uniscono: sono la N&W Global Vending (N&W) di Valbrembo e l’emiliana Saeco Vending, divisione delle storico marchio che produce distributori automatici di bevande e snack.

La N&W - che lo scorso marzo è stata acquistata dal fondo di investimento americano Lone Star che ha portato in cassa 250 milioni di capitale fresco con aumento di capitale - ha infatti siglato un accordo per l’acquisizione della Saeco Vending, azienda che dal 2009 fa capo alla multinazionale olandese Philips. N&W acquisirà una partecipazione di minoranza, il resto della partecipazione sarà in capo alla LSF9 Canto Midco Designated Activity Company (Dac), società irlandese socio unico di N&W Global Vending appartenente al fondo Lone Star.

L’operazione, che dovrebbe concludersi durante il primo semestre 2017, è soggetta ad alcune condizioni, tra cui l’autorizzazione Antitrust. Una volta completato l’iter della vendita, l’operazione porterà alla creazione, di un gruppo che con i 320 lavoratori (compresi i commerciali) in capo alla Saeco Vending, conterà 1.700 dipendenti complessivi. Un migliaio solo nella provincia di Bergamo, tra la sede principale di Valbrembo (700), i siti di Mozzo (180) e Mapello (120) e il magazzino di Grassobbio.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 20 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA