Petteni: Cisl, è il tempo delle sfide Piccinini: «Chiarezza sul caso Bonanni»

Petteni: Cisl, è il tempo delle sfide
Piccinini: «Chiarezza sul caso Bonanni»

Gigi Petteni, segretario generale della Cisl Lombardia, entra a far parte della segreteria nazionale della Cisl. È stato eletto a Roma dal Consiglio generale dell’organizzazione, che l’8 ottobre scorso aveva sancito all’unanimità la nomina di Annamaria Furlan quale nuovo segretario generale della Cisl.

Dopo sei anni passati alla guida della maggiore struttura della Cisl, che oggi conta circa 800mila tesserati, Petteni si appresta dunque ad assumere nuovi incarichi e responsabilità di respiro nazionale. «Il primo pensiero non può che essere per tutte quelle persone che non hanno un lavoro o ce l’hanno ma è precario, che lo stanno perdendo, che non lavorano in condizioni dignitose – afferma il neo-segretario nazionale della Cisl – Va a tutte quelle persone che pur nonostante le enormi difficoltà create dalla crisi continuano a fare sacrifici per essere iscritte alla Cisl e ci chiedono di rappresentarle al meglio, insieme a tutti quei delegati che sono un patrimonio irrinunciabile di questa organizzazione».

Un Gigi Pettenti d’annata (a sinistra) insieme a Giuliano Capetti, già vicepresidente della Provincia

Un Gigi Pettenti d’annata (a sinistra) insieme a Giuliano Capetti, già vicepresidente della Provincia

«Sono convinto che ascoltandoli di più e facendoci meglio interrogare – aggiunge – sapremo trovare le strade migliori per rappresentare gli interessi del mondo del lavoro e del sociale». Il neo-segretario nazionale della Cisl prosegue sottolineando che «certamente stiamo attraversando una fase complessa, ma mai come oggi sono convinto che il destino del sindacato è nelle mani del sindacato stesso e che sempre più dovremo far passare l’idea e la visione del nostro slogan “Se tu sei solo un lavoratore, noi siamo solo un sindacato”. Questo è il tempo delle grandi sfide e dunque è il tempo della Cisl».

Da sinistra Annamaria Furlan segretaria generale Cisl e Gigi Petteni

Da sinistra Annamaria Furlan segretaria generale Cisl e Gigi Petteni

Gigi Petteni è nato a Vigano San Martino, in provincia di Bergamo, il 2 settembre 1954. La sua esperienza sindacale è iniziata nel 1976 nella categoria degli edili. Dopo diversi incarichi in differenti settori, nel 1995 è entrato a far parte della segreteria Cisl di Bergamo, diventandone nel 2004 il segretario generale. Nel settembre 2008 è stato eletto al vertice della Cisl Lombardia.

«Con l’ingresso nella Segreteria confederale di Gigi Petteni si è voluto riconoscere come elemento importante per tutta la Cisl l’esperienza contrattuale e organizzativa maturata nei territori lombardi. Tutto ciò garantisce lo stimolo necessario per rispondere alle rilevanti sfide dell’oggi e del domani» commenta il segretario della Cisl Bergamo, Ferdinando Piccinini.

Da sinistra, Gigi Petteni e Ferdinando Piccinini

Da sinistra, Gigi Petteni e Ferdinando Piccinini
(Foto by Bedolis)

«Questo passaggio pone le condizioni per un rafforzamento del ruolo e dell’azione sindacale che la Cisl intende giocare in tutti i livelli affrontando con coraggio e spirito innovativo una stagione difficile e complicata. La stessa determinazione occorre assumerla per continuare il percorso anche in merito alla trasparenza e alla chiarezza sulle regole interne all’organizzazione. Le notizie apparse sui media relative alle retribuzioni dell’ex segretario generale (Raffaele Bonanni - ndr) sono da sottoporre ad un’immediata verifica da parte dell’organizzazione la quale, poi, deve assumere le azioni conseguenti».

«La Cisl bergamasca per la sua storia è convinta che l’esempio, la coerenza e la sobrietà debbano venire soprattutto da chi è impegnato nei ruoli più importanti dell’organizzazione. Tutto questo deve valere per tutti i livelli dell’organizzazione, nessun escluso. Questo lo dobbiamo a tutti i nostri iscritti, delegati e operatori che spendono con coraggio, energia e coerente dedizione parte della loro vita al servizio dei lavoratori e dei più deboli».


© RIPRODUZIONE RISERVATA