Da Albano fino a Hollywood Le macchine Prussiani da Brad Pitt

Da Albano fino a Hollywood
Le macchine Prussiani da Brad Pitt

Lavora marmi e pietre e alcune sue macchine sono impiegate per la costruzione e la decorazione di sfarzose ville hollywoodiane, come quella dell’attore Brad Pitt (e probabilmente anche per quella che possiede in Costa Azzurra).

Non male come scoop, tanto che il bell’attore recentemente è stato ospite nel Veronese di una delle aziende di lavorazione marmi e graniti più prestigiose al mondo, cliente, appunto, della Prussiani. «Noi progettiamo, montiamo, vendiamo e installiamo macchine a controllo numerico per la lavorazione di marmo, granito e pietre» spiega Mariella, titolare con Mario Griogio Prussiani dell’azienda.

Macchine utilizzate dai marmisti di mezzo mondo, quando fino a non molto tempo fa le macchine erano manuali o addirittura si usavano semplici scalpelli. «Nel 1987 - ha continuato - mio marito ha creato il “centro di lavoro” a controllo numerico, primo al mondo per il settore». L’azienda è nata nel 1991 ad Albino per trasferirsi nel 2008 ad Albano. Il fatturato annuo è di 8 milioni di euro e i dipendenti sono una trentina. Questi crescono di alcune unità ogni anno, e sono senz’altro interessanti sia i requisiti richiesti dalla Prussiani ai giovani candidati sia le modalità di reclutamento. Sul primo punto, Mirella Lucchini Prussiani è stata chiara con i ragazzi delle medie:«Dato che l’85% della produzione è destinato all’estero dove poi provvediamo all’installazione dei macchinari, la conoscenza delle lingue è fondamentale».

Le macchine prodotte ad Albano sono utilizzate anche per opere famose nel mondo, dalla Sagrada familia di Barcellona, la basilica in fase di completamento (l’obiettivo è il 2026, nel centenario della nascita dell’ideatore Anton Gaudì) dove sono stati usati torni e macchine a getto d’acqua per la lavorazione di colonne e capitelli, alla Moschea di Gedda in Arabia Saudita (centri di lavoro e fresatrici per l’ampliamento in corso) alla Kingdom Tower, sempre a Gedda, il grattacielo da oltre mille metri d’altezza che nel 2018 diventerà il più alto del mondo (sempre con il gruppo saudita Mgi).


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 13 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA