Martedì 11 Febbraio 2014

Expo, anteprime a Bergamo

per i delegati dei 70 Paesi

Dal 19 al 21 febbraio Bergamo - scelta dagli organizzatori di Expo 2015 - ospiterà uno dei principali eventi anticipatori del 2015 il «Clusters Participants Meeting», un’iniziativa che coinvolgerà i 70 Paesi che prenderanno parte ad Expo Milano 2015.

Coordinatore dell’evento, promosso direttamente da Expo, è la Camera di Commercio di Bergamo che - con i partner Ente Fiera Promoberg, Bergamo Convention Bureau e Turismo Bergamo, e con gli sponsor Sacbo, ATB e il distretto del commercio Bergamo Centro - ha dato vita ad una serie di iniziative per offrire un’accoglienza di qualità ai 300 delegati che raggiungeranno la nostra città.

Fra le iniziative un’anteprima della mostra di Palma il Vecchio che si terrà il 21 febbraio alla Borsa Merci.

La città diventerà inoltre colorata e multietnica. Due le proposte fatte ai commercianti: la prima pensare ad eventi e colorare i negozi secondo i temi dei Cluster; la seconda prolungare l’orario di apertura delle attività commerciali.

Durante la settimana dell’evento, la città verrà suddivisa in nove aree e nove colori che prendono spunto dai temi dei Cluster con specifici loghi colorati:

- grigio per il Riso in via Tasso e Via Pignolo

- castano per il Cacao in via Borfuro e piazza Matteotti

- marrone per il Caffè in via Broseta, piazza Pontida e via Sant’Alessandro

- giallo per i Cereali e tuberi in viale Papa Giovanni XXIII, via D’Alzano e via Paglia

- verde per Frutta e Legumi nelle vie Zambonate, Moroni, San Bernardino, Quarenghi e Spaventa

- arancione per le Spezie in Galleria Santa Marta

- azzurro per il Bio-Mediterraneo nelle vie XX Settembre e Sant’Orsola

- blu per Isole, mare e cibo in via Tiraboschi, Largo Medaglie d’Oro, via Taramelli e via Camozzi

- sabbia per Agricoltura nelle Zone Aride in via Belotti e al Quadriportico del Sentierone.

I negozianti organizzeranno qualcosa di speciale legato al tema dell’area con degustazioni, allestimenti e proposte d’ogni genere dedicate non solo alla delegazione straniera, ma anche a tutto il pubblico bergamasco invitato a partecipare all’iniziativa.

L’evento clou è previsto per giovedì 20 febbraio con l’apertura straordinaria dei negozi fino alle ore 23.

Un’ulteriore iniziativa prevede la presenza in alcuni spazi della città di elementi luminosi con richiami ecosostenibili, che evocano il Mondo e l’albero della Vita del Padiglione Italia, per dare l’avvio ad percorso verso EXPO.

I Paesi cluster

Sono 70 i Paesi invitati da Expo al Clusters Participants Meeting. Si tratta di Stati in grado di rappresentare una vera piattaforma di contatto per i soggetti economici-culturali di Bergamo in vista di futuri interscambi da considerarsi sia nel periodo dell’Expo 2015 che per sviluppi più ampi e più duraturi. I 300 delegati giungeranno da diverse aree del mondo e si classificheranno a seconda del cluster di appartenenza: Agricoltura nelle zone Aride, Riso; Cacao; Caffè; Cereali e tuberi, Frutta e legumi; Spezie; Bio-Mediterraneo; Isole, mare e cibo.

Le tre giornate

Il meeting si aprirà mercoledì 19 febbraio e continuerà giovedì 20 febbraio con una serie di incontri a porte chiuse al Polo Fieristico di via Lunga; l’iniziativa costituirà per l’Ente Camerale un’imperdibile opportunità per instaurare un primo contatto con i rappresentanti dei Paesi ospitati.

Nella serata del 19 sarà organizzata una cena di gala, presso la Sala Oggioni del Centro Congressi a cui parteciperanno, oltre agli ospiti del meeting, anche i rappresentanti delle attività imprenditoriali più significative del territorio.

Venerdì 21 febbraio l’evento invece si sposterà in città, dove si terranno iniziative specifiche curate dalla Camera di Commercio e in programma nella Sede del Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni (Via Petrarca 10): incontri sulle opportunità offerte dal sistema economico provinciale e focus dedicati ai rappresentanti dei Paesi Cluster, che nelle scorse settimane hanno formulato all’Ente Camerale richieste puntuali su determinati argomenti o comparti economici.

© riproduzione riservata