Il latte, ecco come è fatto il prezzo Dalla stalla allo scaffale moltiplicato per 4

Il latte, ecco come è fatto il prezzo
Dalla stalla allo scaffale moltiplicato per 4

Il prezzo del latte fresco moltiplica quattro volte nel passaggio dalla stalla allo scaffale ma agli allevatori non rimangono neanche quei pochi centesimi necessari per dare da mangiare agli animali.

È quanto denuncia la Coldiretti che da martedì mattina all’alba con migliaia di allevatori estende la «guerra per il latte giusto» dalle industrie, con il presidio a Ospedaletto Lodigiano (Lodi), ai supermercati dove sono arrivate anche le mucche, a rischio di estinzione, per fare conoscere da dove viene il latte e come si ottengono i formaggi senza polveri o semilavorati industriali.

Ma anche le distorsioni economiche che strozzano gli allevatori e provocano l’abbandono delle stalle con effetti sul lavoro, sul territorio, sulla qualità dell’alimentazione e sul Made in Italy. L’iniziativa della Coldiretti ha trovato il supporto e la partecipazione attiva delle principali organizzazioni dei consumatori, dal Codacons al Movimento consumatori, dalla Federconsumatori all’Adusbef.

Se a Roma è stata costruita una vera e propria stalla con gli animali nei pressi del Centro Commerciale Euroma 2, a Torino l’appuntamento è al Supermercato Esselunga mentre a Bologna al Centro Commerciale Vialarga e a Venezia a Mestre al Campo Grande Ipercoop.Gli allevatori bergamaschi hanno scelto di unirsi al presidio milanese che si svolgerà davanti a più supermercati della città.


© RIPRODUZIONE RISERVATA