Mercoledì 30 Luglio 2014

La Pigna risale, produzione record Nuovo accordo con Expo

La Pigna riduce le perdite e guarda al 2014 con fiducia, sull’onda di una produzione record di quaderni e dell’accordo appena siglato con Expo per essere official promoter della manifestazione. L’assemblea straordinaria del 30 giugno ha anche varato un aumento di capitale fino a un massimo di 4,5 milioni, dopo che il precedente aumento di 3,5 milioni non è stato sottoscritto entro il termine del 30 aprile che era stato fissato dall’assemblea del 29 ottobre.

Il bilancio consolidato del 2013 si è chiuso ancora con un risultato finale negativo, ma il rosso si è ridimensionato dagli oltre 13 milioni dell’anno precedente ai 4,9 milioni dell’ultimo conto economico. La perdita della sola società per azioni a capo del gruppo è di 3,6 milioni, contro gli 11,58 dell’anno precedente.

Il risultato è stato ottenuto grazie a una contrazione dei costi e a un miglioramento dell’andamento dell’attività, come spiega il presidente Giorgio Jannone. La riduzione degli oneri si è avuta, ad esempio, con l’accorpamento ad Alzano dell’attività di magazzino prima gestita anche in aree esterne in affitto e in parte con la riduzione del costo del personale grazie al contratto di solidarietà.

La produzione cartotecnica ha toccato a luglio il livello record di 52 milioni di quaderni, contro i 49 milioni dell’anno scorso. L’Ebitda (margine operativo lordo) del primo semestre risulta in crescita dell’1,2%, in miglioramento rispetto al meno 6,1% dell’anno scorso.Il contratto di solidarietà ha portato fino ad aprile a una riduzione del 50% delle ore, poi scesa al 40%, con un aumento quindi del tempo medio lavorato al 60%. Il buon momento della produzione richiederà inoltre di tenere aperta la fabbrica in parte anche nella settimana di Ferragosto, con il 20% circa del personale al lavoro, mentre il resto si fermerà per le due settimane centrali del mese dal 9 in poi.

Nei giorni scorsi, Pigna ha firmato anche un accordo con Expo per essere official promoter della manifestazione: «Questo significa che venderemo i biglietti di Expo tramite la nostra App e i nostri siti internet», spiega Jannone.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 30 luglio

© riproduzione riservata