Lavasecco, posta e farmacia  Così Abb coccola chi lavora
Lavorare da casa può agevolare gli impegni familiari

Lavasecco, posta e farmacia

Così Abb coccola chi lavora

A Bergamo e Dalmine un aiuto anche per trovare la baby-sitter. E con il «lavoro agile» due giorni al mese l’ufficio è la tua casa.

Il nome del progetto è evocativo: «Abb cares» (Abb ci tiene) e coinvolge le sedi italiane del gruppo che opera nel settore delle tecnologie per l’energia e l’automazione, presente con stabilimenti anche a Bergamo e Dalmine.

In sostanza, Abb mette a disposizione dei dipendenti - tute blu e colletti bianchi che siano - una serie di servizi per agevolare la conciliazione vita-lavoro. Tra questi ci sono la possibilità di farsi recapitare posta e pacchi in azienda, un servizio di lavasecco (un paio di giorni alla settimana un addetto passa a ritirare i capi da trattare), un servizio di consegna dei farmaci all’interno dei siti e un servizio di take-away che consente di prenotare un pasto da portar via, ad esempio per cena, alla mensa aziendale ( in una delle sedi bergamasche il catering è affidato ad un nome noto della ristorazione orobica), scegliendo i piatti e le porzioni. Inoltre Abb ha una serie di convenzioni con soggetti certificati che offrono servizi di agevolazione alla famiglia come baby-sitting e giardinaggio, giusto per citarne due.

In questo contesto, il progetto di punta resta lo «smart working», ovvero il lavoro agile, che consiste nel lavorare da casa o da qualunque altro luogo si voglia, purché vi sia una connessione Internet. Lanciato a febbraio del 2014 - in primis a Milano e poi allargato alle altre sedi del gruppo - il progetto da quest’anno è permanente ed è rivolto a tutti i colletti bianchi senza distinzione di mansioni. «A febbraio nelle sedi italiane del gruppo hanno aderito 650 persone - spiega Silvia Parma, direttore risorse umane di Abb Italia - e per sviluppare una cultura adeguata, in tutto abbiamo formato oltre 300 manager e 1.100 dipendenti». Funziona così: chi vuole aderire al lavoro agile concorda il piano con il proprio superiore e può scegliere così di svolgere la propria attività da casa per due giorni al mese (sulla quantità di giornate c’è comunque flessibilità).


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 20 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA