Partite Iva, a dicembre +203,4% Corsa all’apertura per evitare le tasse

Partite Iva, a dicembre +203,4%
Corsa all’apertura per evitare le tasse

Nel corso del 2014 sono state aperte in Italia circa 574 mila nuove partite Iva. Il boom è arrivato a dicembre, con un botto del +203,4%.

Il dato è stato rilevato registrato dall’Osservatorio Partite Iva del ministero. In confronto con l’anno precedente è stato registrato un aumento medio pari a ll’ 8,5 % .

Questo risultato - spiega la relazione dell’Osservatorio - è la conseguenza de gli incrementi che hanno riguardato i mesi di marzo (+0,9%), luglio (+1,9%), settembre (+0,7%), novembre ( +15,9 % ) e dicembre ( +203,4%) , rispetto ai corrispondenti mesi del 2013.

Gli andamenti osservati nei mesi di novembre e dicembre possono essere stati influenzati d alla novità contenuta nella legge di stabilità 2015, che ha introdotto - a partire dal 2015 - un nuovo regime forfetario in sostituzione del preesistente regime fiscale di vantaggio 1.

La legge di stabilità dispone anche che le partite Iva in essere al primo gennaio 2015 con il vecchio regime avrebbero potuto continuare ad operare secondo tale modalità, ed è quindi probabile che alcuni soggetti abbiano anticipato l’apertura della partita IVA entro la fine del 2014, ritenendo il regime allora in vigore più vantaggioso per la propria attività .

Il nuovo regime forfettario prevede infatti che l’aliquota dell’imposta sostitutiva venga triplicata (dal 5 al 15%). Inoltre il tetto massimo di ricavi/ per accedere a questo regime - che era fissato a 30 mila euro per tutti - diventi diversificato a seconda dell’attività (addirittura dimezzato per i professionisti.

Questa è la spiegazione degli esperti per la corsa all’apertura registrata soprattutto a dicembre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA