Sviluppo rurale, fondi per oltre 1 milione  dal Gal Colli di Bergamo e Canto Alto

Sviluppo rurale, fondi per oltre 1 milione
dal Gal Colli di Bergamo e Canto Alto

Il Gal Colli di Bergamo e del Canto Alto prosegue a pieno ritmo la sua attività. Ad oggi ha pubblicato il 100% dei Bandi previsti nel proprio Piano di Attuazione. Ha finanziato e sta concludendo le istruttorie per l’assegnazione di 1.159.876,38 euro di fondi del PSR 2014-2020 destinati alle Aziende Agricole ed alle Comunità dei 7 Comuni appartenenti al GAL. La richiesta complessivamente è stata di 1.670.285,57 euro, cifra che permette al Gal di poter arrivare ben in anticipo sulla data del 31 agosto 2019 alla possibile assegnazione del 25% delle risorse assegnabili così come obiettivo indicato da Regione Lombardia.

Per poter assegnare tutti i fondi in over booking sulle disponibilità, in particolare delle misure 7.5 occorrerà l’approvazione regionale, che è attesa dopo quella delle graduatorie (le istruttorie sono in corso e chiuderanno i primi di settembre) che permetterà al GAL Colli di Bergamo e del Canto Alto di richiedere la rimodulazione necessaria per riaprire i bandi e riassegnare le risorse residue. Complessivamente sono state 25 le domande pervenute in 10 mesi, sulle varie misure, che hanno permesso di erogare fondi per investimenti nelle aziende agricole, per gli agriturismi, per la formazione in ambito agricolo, per la promozione del biologico, per il settore forestale e per un piano strategico condiviso (attraverso un tavolo tecnico) di sviluppo per il turismo sostenibile che ha visto tutti i Comuni del territorio e il Parco dei Colli, promuovere uno sforzo importante di progettazione e di investimenti in piccole infrastrutture che andranno a favore della popolazione locale così come dei turisti. «Il Gal Colli di Bergamo e del Canto Alto - sottolineano Mario Castelli e Carmelita Trentini, rispettivamente amministratore unico e diirettore del Gruppo di Azione Locale - al fine di dare la massima attuazione alle risorse che ancora sono da assegnare, ha altresì attivato un tavolo Tecnico con gli enti no profit e le cooperative sociali che vedrà da settembre 2019 l’avvio di una nuova fase progettuale per la riapertura dei bandi sulle misure di massimo interesse per le popolazioni che vivono in ambito Rurale».

Il Gal Colli di Bergamo e del Canto Alto - i cui uffici si trovano presso la sede del Parco dei Colli di Bergamo, nell’ex monastero di Valmarina - è una società mista pubblico/privata finalizzata al sostegno del turismo rurale, agricoltura, foreste e biodiversità e alla valorizzazione del territorio dei sette Comuni che lo compongono (Comune di Almè, Comune di Paladina, Comune di Ponteranica, Comune di Ranica, Comune di Sorisole, Comune di Torre Boldone, Comune di Villa d’Almè) e della cultura locale. Il GAL dei Colli di Bergamo e del Canto Alto, nato per gestire fondi pubblici nell’ambito dell’iniziativa dell’Unione Europea Leader, annovera come soci l’Ente Parco dei Colli di Bergamo, la Federazione Provinciale Coldiretti Bergamo, Confagricoltura Bergamo e Banca di Credito Cooperativo Bergamo e Valli. Info: www.gal-collibergamocantoalto.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA