Lunedì 23 Giugno 2014

Da Sarnico a Brescia

il successo di Nadia

Nadia Vincenzi con la figlia Emanuela.

Nadia Vincenzi è cuoca per passione e per pura vocazione. Ha trascorso la giovinezza tra l’Abruzzo e la Romagna, sempre sul mare, dove era il ristorante di famiglia. Partita per il Nord, in 24 anni di intensa e appassionata attività è riuscita a portare la cucina dell’Adriatico dove meno te lo aspetti, in Lombardia, dove il mare non c’è e la cultura del pesce sino a non molti anni fa era difficile da far capire e apprezzare.

Prima a Rovato per quattro anni, poi altri dieci a Sarnico, sul lago d’Iseo, infine in mezzo alla campagna di Castrezzato, nella Bassa Bresciana, dove da altri dieci anni si trova il suo ristorantino “Da Nadia” (una trentina di posti), quotato su tutte le Guide enogastronomiche e onorato anche dalla “stella Michelin”. Da alcuni mesi, a mamma Nadia si è riunita la figlia Emanuela (che a sua volta è mamma di due bambine) e il servizio di sala ne ha ancor più guadagnato, per la eleganza e snellezza con cui si muove.

Il segreto di Nadia è uno solo. Il mercato del pesce di Chioggia, così come quelli della riviera adriatica, per lei non hanno segreti. Persone di fiducia inviano tutte le notti a Nadia i prodotti migliori della pesca: il camion frigorifero che da Chioggia va al mercato di Milano, si ferma ogni notte al casello di Palazzolo sull’Oglio e qui avviene lo scarico destinato a Nadia. Roba di prima scelta, giudicata e selezionata con l’occhio esperto di chi conosce il mestiere.

La carta del menù è sempre a disposizione, come vuole la legge, ma ogni giorno si aggiungono piatti a sorpresa, sulla base del pescato. Lasciatevi consigliare da Nadia, che pratica cotture leggere e usa solo olio extravergine d’oliva, così il sapore del mare viene esaltato e vi alzerete da tavola leggeri e contenti. Le grigliate sono solo alla brace di legna. L’elenco delle proposte sarebbe lungo, anche solo per gli assaggi di antipasto, di mare, caldi e freddi.

Per i primi piatti, la pasta o gli gnocchi di patate sono fatti in Casa, così come il pane, i grissini, le focacce e tutti i dolci. Un classico sono gli strozzapreti con gamberi rossi e guancette di pescatrice, ma ci sono anche la zuppa di crostacei e pesci di scoglio, i fritti di mare, gli spiedini a richiesta. Per gli amanti del genere, la “catalana” o le crudité, abbinate a splendidi Champagne o Franciacorta, di cui la cantina è fornitissima. Elegante e chiara la carta dei vini con circa 250 referenze.

Da Nadia Ristorante, Via Campagna 15 25030 Castrezzato (Bs), 030.7040634 [email protected] - Aperto la sera da martedì a domenica; a pranzo solo domenica e festivi.

Roberto Vitali

© riproduzione riservata