Sabato 17 Maggio 2014

Dalla Finlandia al Giopì

per la cucina mediterranea

Da sinistra, Darwin Foglieni, Anti e Virpi Hietanen, Alioscha e Ivar Foglieni.

Che la cucina mediterranea – e quella regionale italiana – sia ormai in testa alle preferenze mondiali è un dato di fatto che solo i francesi del concorso “Bocuse d’Or” non riescono ad ammettere. Una prova ulteriore di come l’Italia enogastronomica stia facendo lezione si è avuta – nel suo piccolo - anche a Bergamo, con l’arrivo al ristorante “Giopì e Margì” di una coppia di ristoratori finlandesi, che stanno compiendo un tour in Italia per conoscere più a fondo la cucina del Bel Paese, molto richiesta anche da loro. Non solo carne di renna, sia pure affumicata, non solo pesci dei numerosi laghi finlandesi, ma la volontà è di introdurre risotti, polenta, caponata, pasta nei vari modi e quant’altro la cucina italiana sa offrire.

I coniugi Anti e Virpi Hietanen sono proprietari di tre ristoranti, due all’estremo nord, in Lapponia, e uno (che si chiama Roux) nella città di Lahti, nella parte meridionale del Paese, una città grande più o meno come Bergamo, non lontana dalla capitale Helsinki.

Il primo ristorante visitato in Italia è stato il “Giopì e Margì” di via Borgo Palazzo, dove da 30 anni opera con successo la famiglia Foglieni, papà Ivar (già presidente dei cuochi bergamaschi e lombardi per tanti anni) e i figli Darwin, Alioscha e Barbara.

Per gli ospiti finlandesi (che poi si sono fermati in cucina per fare domande e vedere alcune preparazioni) Darwin ha preparato alcuni dei suoi piatti classici, che si ispirano alla tradizione italiana con un tocco di inventiva da artista dei fornelli. Il giorno dopo gli ospiti sono stati accompagnati in visita alla scuola alberghiera di San Pellegrino.

Tra gli argomenti trattati anche la possibilità di uno scambio tra studenti delle scuole alberghiere della Finlandia e quelle italiane. I coniugi Hietanen si sono detti disposti ad ospitare stagisti dall’Italia e, a loro volta, hanno promesso interessamento presso le scuole finlandesi per uno scambio concordato. Di questo si sta già occupando l’agenzia Europe 3000 che ha sede a Bergamo.

Roberto Vitali

© riproduzione riservata