Sabato 05 Aprile 2014

In nome della polenta

tra poesie e ricordi

Il direttivo dei Cavalieri della Polenta con lo chef Guerra e Paolo Vecchi.

La periodica riunione a tavola per gli auguri pasquali, sempre all’insegna del piatto tradizionale bergamasco preparato con la farina di mais, ha portato l’Ordine dei Cavalieri della Polenta, guidati dal gran maestro Mario Lameri, all’agriturismo “Molino dei Frati”, tra il verde dei prati di Trescore Balneario, nei pressi delle Terme. Una azienda modello, che fa capo ai fratelli Paolo e Davide Vecchi e al socio Carlo Donini. Produzioni proprie sono i vini, piante e fiori da interno, animali da cortile. Sono anche a disposizione per gli ospiti cinque camere al piano superiore.

In cucina Simone Guerra sa il fatto suo e lo ha dimostrato in particolare con del risotto con salsiccia, le crespelle con ricotta e spinaci, manzo all’olio, accompagnato con polenta, ovviamente. Interessanti anche l’aperitivo e la serie degli antipasti. I vini in abbinamento sono stati i tre prodotti dallo stesso agriturismo, che possiede un vigneto di tre ettari in territorio di Cenate Sotto: il Valcalepio Rosso Doc, il Terre del Colleoni Bianco Doc (Chardonnay) e il Rosato Igt Bergamasca prodotto con uve Franconia. Vini di buona qualità e persistenza, firmati da un giovane enologo, figlio d’arte, Paolo Zadra, che dal padre ha ereditato grande professionalità.

All’incontro enogastronomico non è mancato anche l’aspetto culturale, con la recita di sue liriche in dialetto bergamasco da parte della poetessa Anna Rudelli (festeggiata per la recente nomina a Cavaliere della Repubblica). Il giornalista e scrittore Mario Sigismondi, già sindaco di Trescore, grande studioso delle tradizioni locali, ha illustrato taluni aspetti del passato, in particolare riferendosi ai mulini che esistevano lungo il Cherio sino agli Anni Cinquanta del secolo scorso.

Il gran maestro Lameri ha già fissato al 28 settembre, domenica, il tradizionale raduno interregionale delle Confraternite enogastronomiche “A tavola con amicizia”. Per l’Ordine dei Cavalieri della Polenta sarà l’occasione per invitare a Bergamo buongustai e appassionati di cucina di altre regioni, tutti attivi nel sostenere le tradizioni enogastronomiche locali.

Roberto Vitali

© riproduzione riservata