Martedì 02 Settembre 2014

Nozze indiane

Nozze indiane

È giusto sapere che da domani a sabato nella splendida Fasano, Puglia, si tiene il matrimonio dell’anno: si sposa la terzogenita del magnate indiano del ferro Pramod Agarwal, proprietario di uno dei gruppi industriali più importanti del mondo.

È giusto sapere che per l’evento sono stati stanziati dieci milioni di euro, gli invitati saranno 800, e ad allietarne le giornate dovrebbero intervenire (ma non c’è alcuna conferma perché trattasi di sorpresa) la cantante Shakira e i Gotan Project.

È giusto sapere che la giovane Ritika Agarwal - perpetuando il motto «piove sul bagnato» - sposerà Rohan Metha, erede del fondatore della casa di moda Mexx e che questo fa sì che il wedding party vedrà arrivare in Puglia alcune centinaia di miliardari che da soli rappresentano il 20 per cento del pil indiano.

Per organizzare tutto ciò (fra chilometri di sete, 70 hostess in sari, quintali di petali di rose e due elefanti) è stata chiamata in causa la Balid worldwide show, agenzia multinazionale che si è occupata dell’allestimento delle olimpiadi di Londra e di Sochi.

È giusto sapere che l’unico italiano invitato è il sindaco di Fasano Lello di Bari, impressionato per la possente macchina organizzativa che avrà un ritorno interessante per tutto il territorio: mille persone sono state ingaggiate a termine dall’agenzia e altre 700 stanno lavorando ai margini dell’evento. È giusto sapere che in molti hanno chiesto al primo cittadino di rinunciare poiché i marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, prigionieri in India, sono pugliesi. Forse non è giusto collegarlo, ma è giusto saperlo.

di Giorgio Gandola

© riproduzione riservata