Giovedì 11 Febbraio 2010

Viareggio, Atalanta-Palermo 1-0
Sabato le semifinali: c'è la Juve

L'Atalanta ha superato anche il Palermo nei quarti di finale del prestigioso torneo di Viareggio. Dopo la vittoria sull'Inter ai calci di rigore, i nerazzurri allenati da Bonacina hanno piegato, giovedì 11 febbraio, i siciliani - che sono campioni d'Italia in carica - ai tempi supplementari. Il gol è stato segnato su punizione da bomber Gabbiadini al 3' del primo tempo supplementare.

Il match, equilibrato e intenso, è stato disputato a Viareggio ed è andato in onda in diretta su Raisportpiù. I bergamaschi si sono rivelati più pratici e hanno prevalso su un Palermo che aveva sfiorato la rete del successo quasi allo scadere dei tempi regolamentari.

l'Atalanta ha superato l'ennesimo ostacolo sulla strada del trionfo, ricordiamo che il club nerazurro non conquista il torneo di Viareggio dal 1993 (l'epoca della banda Prandelli con Morfeo e Tacchinardi), ma già sabato 13 in semifinale dovrà vedersela con una rivale forte come la Juventus che ha eliminato il Sassuolo (1-0, gol di Belcastro).

Nell'altra semifinale saranno a duello la Rappresentativa di serie D (3-1 al Torino ai rigori) e l'Empoli che ha prevalso per 2-1 nel derby toscano contro la Fiorentina.

Il commento di mister Bonacina: «Abbiamo disputato ancora una grande partita meritando la vittoria. Ora ci attende l'ennesimo appuntamento difficile contro un'avversaria di valore contro la Juventus. Ci daremo da fare, stiamo dimostrando di essere molto competitivi in un torneo di prestigio».

Il tabellino
ATALANTA-PALERMO 1-0

Rete: 3' pts Gabbiadini.
Atalanta (4-3-3): Rossi; Toivomäki (7' st Monacizzo), Colombo, De Leidi, Arena (38' pt Canzian); Kone, Coulibaly, Meduri; Villanova, Gabbiadini, Franciosi (32' st Crncic). All. Bonacina.
Palermo (4-3-3): Caroppo; Siragusa, Cappelletti, Adamo, M. Pergolizzi (15' st Pitarresi); Corsino, Davi (8' pts Sposito), Temperino; Laribi (1' sts Sorrentino), Giovio, Mbakogu. All. R. Pergolizzi.
Arbitro: Bolano di Livorno.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata