Sabato 13 Marzo 2010

Guidolin: «Dovremo essere bravi
a pareggiare le loro motivazioni»

«Se dovessimo conquistare la vittoria saremmo quasi salvi a due mesi d'anticipo e per noi sarebbe una grande soddisfazione». Il tecnico del Parma Francesco Guidolin vede vicino il primo traguardo stagionale, quello più importante, la permanenza nella massima serie.

«Adesso pensiamo solo a superare l'Atalanta, senza calcoli come se fosse una finale. È importante perché noi siamo chiamati ad affrontare una squadra che ha l'imperativo categorico di andare a giocare una finale in tutti i campi. E quindi lo sarà anche per noi. Sappiamo che non siamo lontanissimi dall'obiettivo, siamo giustamente tesi, perché la stagione è stata lunga, con soddisfazioni e delusioni, e sappiamo che se dovessimo conquistare una vittoria saremmo quasi salvi con due mesi d'anticipo. Dovremo essere bravi a pareggiare le loro motivazioni, perché spesso la differenza la fanno questi particolari».

Rispetto all'andata, l'Atalanta avrà un Amoruso in più. Un giocatore di cui lo stesso Guidolin ha sempre detto un gran bene. «Una difficoltà in più perché è un signor giocatore. Noi eravamo contenti fosse con noi, ma c'è stata una situazione legata fondamentalmente a lui che lo ha messo in condizione di andare a Bergamo. Dunque troveremo un giocatore serio, preparato e bravo. Però con noi è arrivato Crespo, io lo aspetto e spero che faccia una bella partita. Sono convinto che è questione di tempo».

Il Parma si presenta all'appuntamento con otto giocatori diffidati. «Non penso ai diffidati, faremo eventualmente fronte come tutte le volte che abbiamo avuto delle squalifiche. No, se vogliamo il clima della finale non dobbiamo guardare ai diffidati. Sappiamo di una partita difficile e dobbiamo prepararla al meglio pensando solo di fare il possibile per superare il nostro avversario. Che Atalanta mi aspetto? Determinata e aggressiva, indipendentemente dall'atteggiamento mi aspetto venga per vincere».

Rifinitura mattutina a porte chiuse per il Parma. Infortunati Paloschi e Dzemaili, squalificato Jimenez, è probabile che Guidolin presenti un 4-2-3-1 con Jimenez, Valiani e Lanzafame in linea dietro a Crespo. Alternative possibili Antonelli per Lanzafame e Bojinov per Crespo.

Probabile formazione (4-2-3-1): Mirante; Zaccardo, Paci, Dellafiore, Lucarelli; Morrone, Galoppa; Biabiany, Valiani, Lanzafame; Crespo.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata