Giovedì 29 Aprile 2010

Garics: quota salvezza altissima
Peccato per i punti persi all'andata

In vista della sfida da ultimissima spiaggia contro il Bologna, in programma domenica 2 maggio alle 15 al Comunale, l'Atalanta può sorridere per Gyorgy Garics: il terzino destro sta meglio e ha avuto responso positivo dai medici. «Il ginocchio sta bene - afferma il difensore atalantino -. Dipende tutto da me: in settimana ho iniziato a lavorare con la squadra, spero di poter dare una mano già da domenica. Sono fiducioso, prima della partita verrà presa una decisione».

Scontata la risposta del terzino austroungarico sull'obiettivo della squadra nelle restanti giornate. «Conterà solo la vittoria - prosegue il numero 8 atalantino -. Bisogna fare tutto il possibile, conquistare nove punti e sperare nel passo falso di altri. Da quando sono in Italia non ho mai visto una quota salvezza così alta: il rammarico sarebbe quello di arrivare a 43 punti, con 30 conquistati nel ritorno e aver dato il massimo senza magari riuscire a salvarsi. Un peccato per il girone d'andata: sarebbero bastati solo pochi punti in più per poter essere tranquilli. Iniziamo a vincere con il Bologna, dopo si vedrà».

Il terzino atalantino chiama a raccolta i tifosi, assicurando che la squadra è viva e ci crede ancora. «Abbiamo dimostrato sia con i risultati che con l'atteggiamento che ci crediamo. I successi delle altre squadre hanno tolto l'entusiasmo ai tifosi: garantisco che finché c'è la possibilità noi metteremo in campo tutte le nostre forze, aiutati dal pubblico che ci può dare davvero una grande mano. Il Bologna sarà carico, ma non verrà a Bergamo con l'obbligo di vincere: per loro potrebbe bastare un pareggio».

Manca davvero poco ai bilanci di fine stagione e per diversi giocatori dal 16 maggio in avanti sarà il momento di valutare le proposte che il mercato può offrire. «Per queste tre settimane sono ancora a Bergamo - conclude Garics -. Dopo se ne parlerà. Da quando sono arrivato da Napoli non ho mai avuto problemi: società, tifosi e ambiente ideale per lavorare. Sicuramente voglio mantenere la categoria e mi piacerebbe farlo con la maglia nerazzurra».
 Simone Masper

m.sanfilippo

© riproduzione riservata