Giovedì 23 Settembre 2010

AlbinoLeffe, con Torri ko
crescono le chance di Cisse

Otto gol (a 2) agli svizzeri del Biasca ma il dilemma dell'AlbinoLeffe resta nell'area di rigore: chi giocherà al centro dell'attacco sabato a Padova? Chi sarà l'erede dell'infortunato Torri (out per 20 giorni)? Per questo mercoledì Mondonico ha utilizzato la sgambata di Verdello giocando al gioco delle coppie: Cocco-Momentè nel tandem d'attacco del primo tempo, Bombardini alle spalle di Cisse nella ripresa, nel 4-4-1-1 teoricamente in formato titolare.

Gol a parte (Geroni, 2 Momentè, 2 Taugourdeau nel 5-0 del primo tempo; Bombardini, Martinez, Cisse nella ripresa dopo i gol elvetici di Batlak e Bilandzija), la versione dei primi 45', quella delle presunte riserve, ci ha messo birra e buona «gamba», lanciando segnali interessanti. Più intermittenti i segnali lanciati dal duo Bombardini-Cisse nella ripresa, ma a oggi, salvo rimescolamenti selvaggi di Mondo, sembra difficile pensare a un'alternativa tecnica e tattica. Imprescindibile Bombardini, Cisse parte in vantaggio nella corsa al ruolo di centravanti-esca, con Momentè e Cocco a ruota. Ma il sardo, in gol sabato scorso con la Primavera, sembra in crescita.

In accelerazione costante è il francesino Taugourdeau, di gran lunga il più ispirato a prescindere dalla doppietta (comprensiva di gol su corner) nella sgambata di ieri. Dopo un paio di «tribune», Taugourdeau potrebbe essere il jolly della trasferta padovana, magari partendo dalla panchina.

Il canone, invece, stando al pomeriggio biaschese, sembra delineato attorno a un 4-4-2 elastico, con Bombardini a ondeggiare tra trequarti e attacco, Martinez e Foglio esterni come già ad Ascoli. Ma oltre alla questione-Torri, Mondonico deve decidere se confermare la difesa a 3 (o a 5) delle ultime due settimane, con Passoni libero e due marcatori a ringhiare.

Ieri ad aggirare la questione ha provveduto il forfait di Piccinni (mal di schiena, sosta precauzionale), rimpiazzato a sinistra dal rientrato Garlini nella difesa a 4. Ma l'impressione è che l'assetto difensivo sia tutt'altro che definito e che il possibile rientro di Piccinni tra gli arruolati possa indurre Mondo a riproporre la difesa a 5, variando semmai sugli esterni.

Stamattina (alle 10 a Verdello) Mondonico tirerà le prime somme, domani rifinitura (alle 15 a Verdello, a porte chiuse) e partenza per Padova. Con buona pace dell'infermeria Mondo ha almeno un motivo per sorridere: il 2-0 dell'anno scorso all'Euganeo, con primo sigillo di Foglio. Allora come oggi non erano i cerotti a mancare sul Serio.
Simone Pesce

m.sanfilippo

© riproduzione riservata