Domenica 13 Febbraio 2011

Che sberla per la Comark:
Pavia vince di 18 lunghezze

Che sberla per la Comark.! L'«operaia» Pavia ha sovvertito i pronostici rispedendo, così, a casa l'ambiziosa Comark con un passivo di 18 lunghezze (77-59 il finale). Treviglio ha ceduto di colpo dall' inizio dell'ultima frazione dopo che sino allora la gara era corsa via all'insegna di un certo equilibrio.

Pensate che, cifre alla mano, Reati e compagni nel quarto tempo hanno totalizzato la miseria di 9 punti contro i 28 dei padroni di casa. Troppi i solisti di coach Simone Lottici al di sotto delle rispettive possibilità. E meno male che a sopperire, sia pure in parte, alle prove negative dei più titolati compagni hanno pensato Borra (in doppia cifra in fase realizzativa e 9 rimbalzi catturati) e il sempre crescente Milani, determinato in difesa e concreto anche avanti.

Comark abbastanza apprezzabile soltanto nei primi minuti tanto da doppiare gli avversari al 10' (24-12). Ma la reazione di Pavia non si è fatta attendere visto che già nel secondo quarto i locali hanno annullato lo svantaggio.

Dopodiché alla ripresa, consumato l' intervallo, si è assistito al classico punto a punto per poi, come si è detto, salire in cattedra Pavia e per la Comark non c' è stato più nulla da fare. 

Immarcabili nel Pavia Borgna e Biligha in gradi di appropriarsi del bottino di 41 punti.Concedere la posta in palio a Pavia, contro una squadra, classifica alla mano, sin qui di terza fascia lascia parecchio amaro in bocca.

Opportunità, comunque, per il club del presidente Piervicenzo Mazza di tornare alla vittoria già domenica 20 febbraio dal momento che il calendario spedirà al PalaFacchetti il Siena, altro quineetto di modesto spessore tecnico.  

Arturo Zambaldo 


Pavia-Comark 77-59, il tabellino
Pavia: Cristelli 2, Furlanetto 6, Cissè 15, Biligha 20, Borgna 21, Marmugi 9, Scodavolpe 4, Migliorini, Corcelli, Tagliabue.
 
Comark: Reati 7, Borra 12, Milani 13, De Min 11, Castelli 2, Marino 7, Zanella 5, Marulli 2, Planezio, Gotti.

r.clemente

© riproduzione riservata