Martedì 24 Maggio 2011

Prandelli: brava Atalanta
Ora dammi un azzurro

Anche quest'anno il ct azzurro ha fatto visita al Tennis vip di Cividino di Castelli Calepio. Cesare Prandelli, modi gentili, barba lunga e abbigliamento casual, arriva alle otto di sera di lunedì 23 maggio e chiarisce subito: «Sulle convocazioni per Irlanda e Estonia, per cortesia, evitate di fare domande, non è che non voglio rispondere, non posso da contratto». Ma si può parlare di tante altre cose: Atalanta, Conte, Montolivo, tennis.

Gente da nazionale
Sì, l'Atalanta, il primo amore della carriera da allenatore. Per i nerazzurri il purgatorio della cadetteria è alle spalle, i festeggiamenti in centro ancora negli occhi di tutti: «Merito del presidente Percassi che ha fatto un lavoro straordinario rigenerando completamente l'ambiente – dice il cittì – sono contento di poterla osservare da vicino, spero possa proporre qualcuno per la Nazionale».

«Nomi? Parlarne adesso sarebbe controproducente. Conosco Favini e come lavora a livello di settore giovanile». Il serbatoio da cui attingere benzina per volare verso l'alto. I tifosi sognano l'Europa, c'è chi si chiede se e in quanto tempo i nerazzurri potranno diventare l'Udinese del futuro: «C'è un progetto ambizioso, ma a certi obiettivi si arriva per gradi – avverte l'ex mister della Fiorentina –. Il primo passo sarà quello di consolidarsi stabilmente in serie A».

Conte e Montolivo
Già, la serie A, dove c'è anche una Juventus fresca di congedo da Del Neri. Il sostituto designato è Antonio Conte, chissà se può essere l'uomo in grado di ridare appeal alla vecchia signora: «Io sono convinto che possa fare molto bene – continua Prandelli – perché nessuno meglio di lui può conoscere ambiente e dinamiche societarie».

Strane quelle che hanno portato allo strappo fra la Fiorentina e il pupillo Riky Montolivo. Il comunicato stampa d'addio è fresco di giornata: «Meglio una big italiana che all'estero? Riccardo faccia la scelta che preferisce, io lo conosco sia come giocatore sia come persona».

Leggi di pù sull'Eco in edicola martedì 24 maggio

m.marzulli

© riproduzione riservata