Venerdì 05 Agosto 2011

Golf, tutti Matty per lei
Da Bergamo «Miss green»

Non fatevi tradire dal suo sorriso dolce e dalla naturale bellezza, caratteristiche ereditate dai suoi genitori, Federica e Riccardo, perché soprattutto in campo lei sa trasformarsi evidenziando grinta, carattere e molta determinazione.

Per l'anagrafe è Matia, con una T sola, ma per gli amici oppure quando si firma è «Matty», con due T. Bergamasca doc, vive con la sua famiglia ai piedi della Maresana, anche se per gran parte dell'anno gira il mondo con la sua sacca da golf e gli immancabili libri per studiare.

Matia Maffiuletti, classe 1988, è da ormai due anni la più giovane atleta della Nazionale Italiana di golf. Passata professionista nel gennaio 2009 sul Tour Europeo, «anche se già a novembre 2008 avevo passato le qualifiche per il Duramed Futures Tour in America, che poi per problemi organizzativi e di lontananza non ho più proseguito», Matia sta inseguendo il suo sogno: entrare nelle prime dieci giocatrici più forti d'Europa.

Per riuscirci, al di là del talento naturale, come per qualsiasi disciplina sportiva servono però duri allenamenti, applicazione e tanta determinazione, tutti aspetti che convivono con la sua quotidianità, in particolare poi quando l'obiettivo di una laurea in lingue e letterature straniere corre parallelo a quello del golf: «Mi mancano quattro esami; spero di laurearmi a marzo 2012. Viaggiare tanto per il golf, comunque, mi aiuta anche a fare pratica con le lingue, indispensabili anche per il futuro».

Ma chi l'avrebbe mai detto che il voler accompagnare il papà Riccardo (buon giocatore di prima categoria handicap 5) una domenica mattina al campo da golf avrebbe finito con il plasmare il suo futuro? «È stato tutto molto naturale e spontaneo anche perché avevo solo nove anni».

Leggi di più su L'Eco di venerdì 5 agosto

m.sanfilippo

© riproduzione riservata